Da Canova a Muhammad Ali, cosa fare nel weekend a Napoli

Iniziative per il week end a Napoli
ARTICOLI CORRELATI
di Irene Saggiomo

  • 45
Si aprono le porte del fine settimana, e con questo, tante iniziative per il divertimento:
 
Da pochi giorni è stata inaugurata la mostra fotografica al PAN (Palazzo Arti Napoli in via dei Mille 60) sulla vita e la carriera del grande campione di pugilato Muhammad Ali. Le 100 foto in esposizione provengono dai più grandi archivi fotografici internazionali, come quelle del New York Post Archives, Sygma Photo Archives, The Life Images Collection, e mostrano Ali in situazioni e momenti fondamentali della sua vita, non solo sportiva. Muhammad Ali è stato tre volte campione mondiale dei pesi massimi, ma è stato anche un grande esponente della lotta per i diritti civili dei neri americani. Un grande campione che ad un certo punto della carriera decise di lottare non più sul ring ma tra la gente, contro le discriminazioni razziali e contro la barbarie della guerra. Scelte che gli costarono tantissimo in termini di fama e di denaro, ma che Muhammad Ali portò avanti con la grinta di sempre. Una sala del PAN sarà anche allestita come una palestra di pugilato, con un ring al centro su cui verrà proiettato un video con gli spezzoni degli incontri più famosi combattuti da Muhammad Ali, e foto dei suoi 61 combattimenti da professionista, tra il 1960 e il 1981, dopo la conquista della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma 1960, quando ancora si chiamava Cassius Clay. La mostra è visitabile tutti i giorni escluso il martedì, dalle ore 9.30 alle 19.30, fino al 16 giugno. Il prezzo del biglietto: intero: €10,00; ridotto: 8,00 (ridotto over 65, dai 13 anni ai 18 anni euro). Contatti e informazioni: tel. 081.3630018 
 
Dall’Ermitage di San Pietroburgo al Mann, sono tante le opere prestate a Napoli per la mostra del grande Antonio Canova. L'Amorino Alato, l'Ebe, la Danzatrice con le mani sui fianchi, Amore e Psiche stanti, la testa del Genio della Morte. É la prima volta che tante importanti opere di Canova arrivano tutte insieme in Italia, perché oltre alle statue dell’Ermitage, vari altri musei prestatori hanno arricchito questa speciale mostra dedicata al Canova con oltre 110 opere, fra grandi modelli e calchi in gesso, bassorilievi, modellini, disegni, per confronto con i capolavori dell'arte classica del Mann. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli si trova in piazza Museo 19, la mostra è visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 19.30, escluso il martedì; il ticket al museo costa 15 euro, ridotto 7 euro, gratuito per tutti i minori di 18 anni e per ogni prima domenica del mese. Info e prenotazione visite guidate al 081 4422149, o scrivendo nella pagina dedicata del sito www.museoarcheologiconapoli.it.
 
Sabato mattina, con appuntamento alle 10.30 in piazza del Gesù, i ragazzi dell’associazione Napoli tour in-canto, hanno organizzato una speciale visita del centro storico dal titolo “Avoce’e Napule: serenata tra i cortili del centro antico”. Questo è il primo dei sei appuntamenti che dureranno fino al prossimo settembre, dove si propone anche un’esperienza sensoriale, si tratta infatti di tour accompagnati dal canto e dai racconti, con un focus particolare sulle esperienze sensoriali che la città offre: l'odore e il gusto inebriante di una tazzina di caffè, l'individuazione e il tocco tattile del tufo, piccoli assaggi di prodotti della tradizione, l'ascolto del dialetto napoletano tra i vicoli, l'immagine dei panni stesi ad asciugare al sole, la convivenza tra bassi e palazzi nobiliari. Sei percorsi per ammirare, da varie prospettive, i colori e le sfumature del ricco patrimonio artistico e paesaggistico. La canzone napoletana e le sue serenate, aiuteranno a comprendere meglio alcune storie dei luoghi in visita, oltre ad allietare la passeggiata. Si partirà quindi da piazza del Gesù alle 10.30, la visita durerà circa due ore e avrà termine a Palazzo Marigliano. Il costo è di 12 euro per gli adulti, gratis bambini fino a 5 anni e disabili, 5 euro i bambini dai 6 anni in su. Per partecipare è necessario prenotare telefonando al 3204857038, oppure scrivendo una mail a napolitourincanto@gmail.com.
 
Sabato pomeriggio, con partenza alle 15.30 da piazza Carlo III, percorso guidato “La paranza della Bellezza, dall’Albergo dei Poveri a Porta Capuana”. Gli organizzatori di Quovadis promettono più di una visita guidata, parlano di “un viaggio in un altro racconto della città: non la solita Napoli da cartolina o quella sfacciata e indifferente, ma la Napoli che non ci sta, quella del mondo straordinario tra i nobili palazzi di via Foria e che arriva fino a Porta Capuana, dove tra l'antico tribunale, imponenti chiese barocche e l'antico lanificio borbonico, si compone di persone e commercianti impegnati nella lotta antiraket”. Informazioni e prenotazioni al 3887591856 o via mail all'indirizzo info@quovadisnapoli.net.
 
Cambiando quartiere e spostandosi a Chiaia, domenica mattina si potrà partecipare alla visita “La riviera dei Nobili”. L’appuntamento è alle 10.30 in piazza Vittoria, all’ingresso della villa Comunale, da qui partirà un itinerario alla scoperta di una delle strade più belle di Napoli, via Riviera di Chaia, che originariamente faceva parte di un borgo al di fuori delle mura cittadine. La strada fu aperta dal viceré duca di Medinaceli nel 1697, e originariamente si apriva sulla spiaggia del litorale di Napoli, mentre oggi costeggia il lato interno della Villa Comunale di Napoli. Può essere considerata la “passeggiata dei nobili” perché nel 1780 per volere di Re Ferdinando IV di Borbone venne creata la “Villa Reale o Real Passeggio di Chiaia”, dove attualmente sorge la Villa Comunale, un vero e proprio passeggio, un giardino urbano molto in voga in quegli anni abbellito con statue e fontane, in principio un luogo riservato esclusivamente ai cortigiani del re e ai nobili. Si esce dalla villa Comunale per raggiungere una delle nobili residenze sorte lungo la Riviera di Chiaia, Villa Pignatelli, uno dei più significativi esempi di architettura neoclassica della città. La villa fu costruita nel 1826 da Pietro Valente per Ferdinando Acton, appartenne in seguito ai Rotschild, e fu acquistata nel 1867 dai principi Aragona Pignatelli Cortes. Nel 1955 la principessa Rosina donò la villa allo Stato, e nel 1960 venne aperto il museo Diego Aragona Pignatelli Cortes. All’interno della Villa si potranno ammirare le decorazioni e gli arredi originali, testimonianza del gusto eclettico tipico della fine dell’ottocento, ispirato dagli stili più disparati. Si visiterà anche il Museo delle carrozze, ospitato in alcuni ambienti ricavati dalle antiche scuderie e da un’area in origine destinata a maneggio, nato grazie al dono della collezione del marchese Mario d’Alessandro di Civitanova, composta da ventuno carrozze d’epoca e da finimenti, bordature e altri accessori, connessi all’arte carrozziera. La visita sarà guidata da un professionista dei Beni Culturali. Per contatti e prenotazioni si potrà telefonare il numero 3470819934 o scrivere a eventi@archeologianapoli.com. La prenotazione si può fare anche sul web www.archeologianapoli.com. Il contributo alla partecipazione è di 10 euro, ma non include il ticket di villa Pignatelli.
 
Domenica e lunedì mattina “Walking Life Day sul Lungomare di Napoli”. Appuntamento alle 10 alla Rotonda Diaz per partecipare a un allenamento a ritmo di musica, per un risultato garantito di benessere fisico e mentale. Nello specifico, si tratta di una passeggiata con tecniche di walking sportivo, e le cuffie wireless alle orecchie consentiranno di tenere il ritmo di musica e seguire le istruzioni del coach. Per partecipare bisognerà prenotare ai numeri 3483836320 o 3404910500, il contributo è di 10 euro a persona e comprende il noleggio delle cuffie wireless, gadget e istruzioni del coach. 
Venerdì 29 Marzo 2019, 20:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP