Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Conservatorio San Pietro a Maiella, venerdì l'omaggio del pianista Francesco Pareti a Giovanni Paisiello

Giovedì 9 Giugno 2022
Conservatorio San Pietro a Maiella, venerdì l'omaggio del pianista Francesco Pareti a Giovanni Paisiello

Frutto della collaborazione con il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, il concerto del pianista Francesco Pareti intitolato «La tastiera galante di Giovanni Paisiello» in omaggio al grande compositore settecentesco, conclude, venerdì 10 giugno (alle ore 18 nella Sala Scarlatti del Conservatorio) la stagione musicale della Fondazione Pietà de’ Turchini di Napoli.

Un concerto solistico interamente dedicato alle composizioni per tastiera di Paisiello (1740 – 1816) tra i più importanti musicisti del periodo classico e tra gli ultimi grandi rappresentanti della scuola musicale napoletana. Il progetto musicale realizzato da Francesco Pareti e dal musicologo Paologiovanni Maione si sviluppa a partire dal rinvenimento di partiture manoscritte per tastiera del compositore, alcune presumibilmente ancora inedite. «La proposta di realizzare un concerto dedicato a Giovanni Paisiello – sottolinea il maestro Francesco Pareti - realizzata a quattro mani con il collega Maione, è stata sollecitata da alcune fortunate circostanze. Innanzitutto dal ritrovamento negli archivi del Conservatorio di antiche partiture manoscritte del grande compositore ma anche, nella sezione museale, di un prezioso strumento, un fortepiano, appartenuto proprio a Paisiello dono della zarina Caterina di Russia».

Il programma musicale del concerto propone l’esecuzione di Sonate, Sinfonie, Rondò e Capricci per Cembalo e Forte Piano. «L’intento – conclude Pareti - è quello di far avvicinare il pubblico a sonorità e a prassi esecutive prossime a quelle presenti all’epoca del Paisiello».

© RIPRODUZIONE RISERVATA