Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, Teatro Totò: in scena lo spettacolo di Paolo Caiazzo «Terroni si nasce»

Martedì 30 Novembre 2021
Napoli, Teatro Totò: in scena lo spettacolo di Paolo Caiazzo «Terroni si nasce»

Continua la stagione del Teatro Totò dove, giovedì 2 dicembre, arriverà un beniamino del pubblico come Paolo Caiazzo con il suo spettacolo «Terroni si nasce».

In scena nello spazio diretto artisticamente da Gaetano Liguori fino a domenica 12 dicembre, il popolare artista proporrà un lavoro perfettamente in equilibrio tra la risata e la riflessione.

«È chiara ed evidente - scrive l'attore, autore e regista Paolo Caiazzo - la citazione omaggio al principe della risata ed alla sua battuta cinematografica “Signore si nasce, ed io lo nacqui… modestamente”. Il termine terrone inserito nel titolo è una dichiarazione d’amore per le mie origini, ed io, come contadino della mia terra, intendo coltivarla. Con leggerezza ed il supporto di musicisti in scena racconto la mia Meridionalità. Monologhi, poesie e canzoni per uno spettacolo di incalzante divertimento e riflessioni sulla Terronia, sui suoi pregi ed i suoi difetti. Ma non solo Sud. Anche attualità, politica nazionale ed internazionale per commentare comicamente la vita di tutti i giorni, vizi e manie dei nostri tempi ma sempre con la filosofia che la mia terra ci ha regalato. Non può mancare in scena il mio alter ego televisivo Tonino Cardamone ed il suo motto: “’a capa mia nun è bona”. A lui è affidata la parentesi della follia dei saggi con la saggezza della sua follia».

Video

«Più che uno spettacolo è una mission sempre più impossible ai giorni d’oggi: divertire e divertirsi - continua il comico - ma bisogna tentare, anche su tematiche serie e drammatiche, senza prendersi tanto sul serio, perché sono sempre più convinto che affrontare un problema disposto a riderci su, è probabile che tu possa vincere, se ti abbatti e ti disperi hai già perso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA