Debutta al Nuovo Teatro Sanità di Napoli «La vacca», vincitore del premio Dante Cappelletti

Martedì 12 Ottobre 2021
Debutta al Nuovo Teatro Sanità di Napoli «La vacca», vincitore del premio Dante Cappelletti

Giovedì 14 ottobre ore 21.00 al Nuovo Teatro Sanità, debutta «La vacca» di Elvira Buonocore, con Vincenzo Antonucci, Anna De Stefano e Gennaro Maresca, quest’ultimo anche regista dello spettacolo.

Il lavoro teatrale coprodotto da B.E.A.T. teatro e Nuovo Teatro Sanità, è vincitore di numerosi premi, tra cui il prestigioso Dante Cappelletti 2019

«La vacca» racconta la necessità di un'adolescente di negarsi la purezza, la ricerca di un corpo nuovo che sia macchina da usare, terra da saccheggiare e servo per amore. Lo spettacolo si avvale inoltre dell'aiuto regia di Roberta De Pasquale; dei costumi di Rachele Nuzzo e della scenografia di Michele Lubrano Lavadera.

Replica fino a domenica 17 ottobre. 

Video

Il testo è ambientato in un’imprecisata periferia napoletana, dove due fratelli giovanissimi, Mimmo e Donata, vivono un’esistenza trascurata, ignota agli adulti, schiacciata dall’indifferenza. I corpi sono spenti, non arde nessuna passione. Fino a quando Donata s’innamora di un uomo, Elia, un adulto, un vile che ai suoi occhi appare come un dio. L’amore è radicale, mette il corpo al centro di tutto. Donata si accorge di se stessa, si vede per la prima volta e non si piace. Vorrebbe nuove forme, seni enormi, sproporzionati: un eccesso da mostrare. Cova il desiderio di essere altro. Una favola neorealista. Una storia in cui, per eccesso di realtà, la fiaba esplode inevitabilmente.

LEGGI ANCHE I Maneskin spostano il tour al 2022, ma anche Achille Lauro, Irama e Negramaro: i concertoni ancora non decollano

«La vacca» è vincitore del Premio Dante Cappelletti 2019 con la seguente motivazione: «Per l’originalità e la potenza espressiva che presenta il lavoro, per i contenuti universali e attuali di forte valenza sociale e politica, come i temi dell’espropriazione del corpo e della terra, per la grande cura attoriale e l’organicità di tutti gli elementi scenici».

Nel 2021 ha continuato a riscuotere successi, vincendo il premio “Per fare il teatro che ho sognato” - Presente Futuro al Teatro Libero di Palermo e il premio della critica alla XIX edizione del festival Voci dell’Anima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA