Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Il nostro orgoglio a voce alta”, gli archivi del movimento LGBT+ in rete

Mercoledì 27 Aprile 2022
“Il nostro orgoglio a voce alta”, gli archivi del movimento LGBT+ in rete

E' previsto per sabato 30 aprile 2022 alle 17 a Palazzo Venezia (in via Benedetto Croce 19 a Napoli) l’evento di chiusura del progetto “Il nostro orgoglio a voce alta” finanziato dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – Presidenza del Consiglio dei Ministri e che vede come capofila l’associazione Antinoo Arcigay Napoli insieme alla Fondazione Genere Identità Cultura e Makwan Arcigay Messina.

Con questo progetto – così come con l’attivazione di Centri antidiscriminazione in tutta Italia – l’UNAR ribadisce ancora una volta il suo impegno contro ogni forma di discriminazione e a favore dell’inclusione delle persone LGBT+.

“Il nostro orgoglio a voce alta”, infatti, insieme ad altri progetti finanziati su tutto il territorio italiano ha quale obiettivo generale la tutela, la valorizzazione, la promozione e la fruizione di documenti storici inerenti la tematica LGBT+  attraverso la mappatura, la raccolta, la digitalizzazione e l’archiviazione di materiale che costituisce una fonte importante per ricerche storiche sul movimento LGBT+ Italiano ma anche di una parte della storia del costume e della società Italiana e del mezzogiorno.

Video

«Oggi grazie all’impegno di UNAR – dichiara la coordinatrice del progetto Ottavia Voza – abbiamo avviato la necessaria opera di raccordo tra le strutture che si sono occupate fino a ieri, con pochissime risorse e grazie all’impegno volontario, della conservazione delle tracce documentali di una parte importante della più recente storia contemporanea. Con questo progetto questo patrimonio può essere degnamente conservato e messo a disposizione della comunità e degli studiosi. Molto lavoro c’è da fare ancora per la grande mole e varietà della documentazione conservata ad esempio presso l’archivio del centro documentazione Paolo Poli di Antinoo Arcigay Napoli. Ma proprio con questo progetto abbiamo costruito solide basi per lo sviluppo coerente di questa azione”.

Prenderanno parte all’incontro Triantafilloa Loukarelis (Direttore UNAR – Presidenza del Consiglio dei Ministri), Emanuela Ferrante (Assessora alle Pari Opportunità del Comune di Napoli), Rosario Duca (Makwan Arcigay Messina), Paolo Valerio (Fondazione Genere Identità Cultura), Daniela Lourdes Falanga (Antinoo Arcigay Napoli – Archivio Paolo Poli di Napoli), Luigi Malaroda (L’esperienza di Torino), Ottavia Voza (coordinatrice del progetto), Maria Rosaria Bacchini (supervisione scientifica del progetto), Antonella Barbieri(operatrice alla schedatura e alla digitalizzazione), Erika Vettone (responsabile scientifico ed operativo). Modera Antonello Sannino.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA