«L'inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli nel deserto»: l'allarme degli esperti

Mercoledì 23 Dicembre 2020
«L'inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli nel deserto»: l'allarme degli esperti

L'inquinamento da plastica sta uccidendo centinaia di cammelli selvatici di Dubai perché gli animali scambiano i rifiuti tossici per cibo, hanno affermato gli esperti. Marcus Eriksen, che studia i rifiuti di plastica nel Golfo, spiega che i cammelli hanno ingerito fino a blocchi di rifiuti che poi si accumulano nello stomaco, sottoponendoli a morti «agonizzanti che possono durare mesi». L'esperto dice aver visto personalmente i resti di cinque cammelli nel deserto con palline di plastica situate all'interno del petto.

«Ero a Dubai per esaminare la plastica nel Golfo Persico quando un veterinario di cammelli, Ullrich Wernery, del Central Veterinary Research Laboratory, mi ha chiesto di unirmi a lui nel deserto», racconta il dott. Eriksen. «Abbiamo trovato cinque scheletri di cammelli sepolti nella sabbia con masse di rifiuti di plastica nel petto. «I cammelli sanno solo che ciò che non è sabbia è probabilmente cibo: la plastica disseminata potrebbe contenere rifiuti alimentari, come oli e sali, che sono attraenti al gusto». In un nuovo studio, il dottor Eriksen ha dimostrato che borse, bottiglie, corde e altre materie plastiche possono accumularsi negli stomaci dei cammelli «nel corso degli anni, calcificandosi lentamente in una massa solida». Le sacche nell'intestino «contengono anche grandi colonie batteriche, quindi i cammelli si ammalano facilmente per l'elevata carica batterica».

Parco di Veio, scoperto un mammifero rarissimo: «Si tratta del mustiolo etrusco»

Eriksen sottolionea: «Questo non è uno studio di laboratorio. Questa è la vita reale e sta accadendo proprio ora a un'intera popolazione, non solo a un singolo cammello: è culturalmente significativo. Bisogna vietare la plastica, che è spesso trasportata dal vento anche su lunghe distanze».  Il dottor Eriksen, che lavora presso The 5 Gyres Institute, un'organizzazione senza scopo di lucro focalizzata sull'inquinamento da plastica, non ha dubbi su dove sia la colpa. «Le aziende che producono plastica monouso combattono costantemente le politiche per limitare la stessa plastica monouso». Negli ultimi 20 anni «la situazione è peggiorata. Un punto importante è che i rifiuti di plastica sono stati in gran parte solo una questione oceanica, ma non lo è. Questo studio mostra anche impatti enormi sulla terra». Si pensa che la plastica sia responsabile della morte di 300 dei 30.000 cammelli nell'Emirato di Dubai.

Video

 

Ultimo aggiornamento: 12:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA