Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carlini, razza troppo debole e a rischio malattie: l'Irlanda verso lo stop all'allevamento e vendita

Venerdì 20 Maggio 2022
Carlini, razza troppo debole e a rischio malattie: l'Irlanda verso lo stop all'allevamento e vendita

Una ricerca pubblicata dal Royal Veterinary College nel Regno Unito ha suggerito che i carlini non possono più essere considerati un cane tipico a causa delle cattive condizioni di salute associate alla razza. I carlini, cani da compagnia che risalgono al 400 a.C. in Cina, sono piccoli e tozzi di statura e sono animali domestici amati in tutto il mondo. Ma la razza è purtroppo predisposta a una serie di malattie, tra cui obesità, difficoltà respiratorie e disturbi della pelle. Gli esperti hanno avvertito che i carlini hanno quasi il doppio delle probabilità rispetto alle altre razze di sperimentare uno o più disturbi di salute in un solo anno e hanno esortato il pubblico a considerare la loro scarsa qualità di vita prima di aggiungerli alla loro famiglia.

Invasione di meduse nei nostri mari: che cosa sta succedendo?

«Sebbene siano estremamente popolari come animali domestici, ora sappiamo che diversi gravi problemi di salute sono legati alla forma estrema del corpo dei carlini che molti umani trovano così carini. È giunto il momento di concentrarci sulla salute del cane piuttosto che sui capricci del proprietario quando scegliamo quale tipo di cane possedere», dice il dottor Dan O'Neill, autore principale della ricerca pubblicata dal Royal Veterinary College.  Alcuni dei problemi di salute dei carlini derivano dalle loro facce visibilmente appiattite, una caratteristica condivisa da altre razze di cani tra cui lo spaniel e i bulldog del Cavalier King Charles. Le razze brachicefale, termine che si riferisce a cani con muso o muso accorciati, tendono ad avere narici e vie aeree ristrette, il che causa notevoli difficoltà respiratorie.

Peste suina a Roma, nuova stretta, via agli abbattimenti dei cinghiali solo intorno alla zona rossa Otto contagi accertati

Suzi Walsh, un'esperta di comportamento e addestramento dei cani con sede a Dublino, afferma di non essere rimasta sorpresa dai risultati della ricerca. «Tanti carlini con cui ho lavorato hanno avuto bisogno di un intervento chirurgico solo per aiutarli a respirare. Penso che come razza di cane il loro benessere sia sicuramente una questione etica», dice Susi.

La questione della salute dei carlini ha fatto notizia in altre occasioni negli ultimi anni. L'allevamento di carlini, insieme ad altre razze brachicefale, è stato bandito dal Dutch Kennel Club nel 2020. Tuttavia, in seguito è stata fatta una concessione che ha consentito ai cani brachicefali di accoppiarsi con razze di cani più sane. Ironia della sorte, i carlini sono stati resi popolari per la prima volta in Europa nei Paesi Bassi.

 

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 10:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA