Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Juan Carrito, trasferito in elicottero l'orso social: seconda prova di vita in alta quota

Venerdì 25 Marzo 2022 di Sonia Paglia
Juan Carrito, trasferito in elicottero l'orso social: seconda prova di vita in alta quota

Juan Carrito è stato condotto oggi in montagna. Le operazioni di traslocazione dall'area faunistica di Palena, in provincia di Chieti, hanno visto in azione i carabinieri forestali di Roma Urbe con l'elicottero e i carabinieri forestali coordinati dalla colonnella Livia Mattei del reparto carabinieri del Parco della Maiella di Guardiagrele. Le operazione di trasferimento sono iniziate alle ore 8,30 del mattino, la zona è stata presidiata con decine di carabinieri forestali, l'orso social narcotizzato è stato collocato in un gabbia e trasferito in alta quota con un elicottero. Sul posto anche il direttore del parco nazionale della Maiella, Luciano Di Martino e i tecnici dell'ente Parco.

Video

Si tratta del secondo trasferimento in montagna, dopo che l'orso ha scorrazzato per due anni nei paesi e a Roccaraso, dove era abituato a cibarsi tra i rifiuti dei cassonetti e a mangiare i frutti dagli alberi del paese. Ora è stato rieducato a Palena e liberato di nuovo. Il Parco della Maiella, in un lungo comunicato, ammette: «È difficile prevedere cosa farà l’orso Juan Carrito nelle prossime settimane e nei prossimi mesi poiché sono molte le variabili che influenzano l’esito di operazioni complesse come le traslocazioni e, purtroppo, il ritorno dell’orso all’interno di centri abitati è un’eventualità che potrebbe verificarsi anche nel breve termine. Per questo motivo Il Parco Nazionale della Maiella ha già predisposto un piano di intervento nel quale sono proposte ulteriori attività, anche sperimentali, mirate a tenere l’orso lontano dai paesi e a tentare tutto quanto possibile per eliminare o quanto meno ridurre la sua dipendenza dal cibo di origine antropica».

Ultimo aggiornamento: 21:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA