Riccardo Fogli: dagli Smilzi ai Pooh, da Viola Valentino a Patty Pravo, dal basso alla motosega. Non sono storie di tutti i giorni

Riccardo Fogli
Riccardo Fogli
Venerdì 21 Ottobre 2022, 12:43
3 Minuti di Lettura

Riccardo Fogli, decine di milioni di dischi venduti da solo o con i Pooh, travolgenti love story con colleghe ugualmente famose, una vittoria a Sanremo e il ricordo di conti che, a inizio carriera e anche prima, non tornavano mai.

Fra le mogli del bassista di Pontedera, che ha compiuto 75 anni, anche Patty Pravo, sposata non si sa bene con quanta efficicia legale in Scozia nella bottega di un fabbro, e Viola Valentina che lo fulminò con una storica citazione al suo banale approccio assai poco da cantante playboy al Roxy Club di Milano: "Ci siamo già visti io e te?". La risposta che valeva certamente il "sì" all'altare: "Chiamami Peroni, sarò la tua birra".

Racconti dalla lunga intervista di Fogli a Giovanna Cavalli per Il Corriere della Sera, pubblicata nel giorno del suo compleanno, oggi 21 ottobre.

Appassiona sentirlo rievocare un'infanzia felicissima fra mille giochi (ma non il calcio all'oratorio per non rovinare le scarpe ereditate dal padre) e qualche ristrettezza mai avvertita come tale. 

E poi i primi pezzi sul palco, più beat che rock, nel gruppo Gli Smilzi, che in realtà nelle locandine figurava come The Slenders. Intanto assunzioni da ragazzino (15 anni) alla Piaggio come postino e avventure imprenditoriali come gommista in società con il fratello, sempre senza riuscire a sbarcare il lunario che si trattasse di riparare una gomma o di cantare un brano. Ma, pare di capire, senza fare drammi esistenziali.

Nel 1966 il grande salto nei Pooh e l'amicizia solidissima Roby Facchinetti. Almeno all'inizio, però, c'era sempre "da rimediare quelle 200 lire per mangiare". Poi il successo, quello vero, con Piccola Katy, consegnata alla storia musicale nazionale, come pure Pensiero.

La cavalcata nella gloria cambia scenario nel 1973 quando Riccardo Fogli lascia sia la moglie, la cantante Viola Valentino, sia i Pooh: il flirt travolgente con Patty Pravo ("Ci siamo trovati nella stessa camera poche ore dopo esserci incontrati") tiene le pagine dei rotocalchi quanto i successi della band .

Foglio dice di avere sofferto, in quella separazione artistica, perché nessuno tentò di trattenerlo. Dopo due anni la relazione con la star era terminata. Ritorno da Viola Valentino e avanti con la carriera da solista che culmina con la vittoria di Sanremo nel 1982 con Storie di tutti i giorni.

Nel 2015, ovvero qualcosa come 42 anni dopo, la reunion con i Pooh, un lunghissimo tour e un nuovo album. Nel frattempo erano arrivati il figlio Alessandro, avuto con l'attrice Stefania Brassi, e la figlia Michelle, nata dall'attuale moglie Karin Trentini, a completare la vita di un uomo e di un artista che ora alterna il basso alla motosega, usata per tenere in salute gli amatissimi alberi.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA