SERGIO MATTARELLA

Laila morta sul lavoro, c'è un indagato in azienda. E interviene Mattarella: «Garantire la sicurezza»

Giovedì 5 Agosto 2021 di Mario Ajello
Laila morta sul lavoro, c'è un indagato in azienda. E interviene Mattarella: «Garantire la sicurezza»

Il presidente Sergio Mattarella ha voluto dare un segnale più forte. Sottolineare con particolare gravità che le morti sul lavoro stanno diventando una piaga sociale e uno scempio incommensurabile. Dolore sul Colle e anche profonda consapevolezza politica e culturale che un Paese civile non può sopportare di vedere donne e uomini perdere la vita mentre fanno il proprio mestiere. E così, con un atto significativo e non usuale, dopo la morte sul lavoro in una piccola fabbrica di Modena di Laila El Harim, operaia di 40 anni con un figlio piccolo, Mattarella ha telefonato ieri mattina al ministro del Lavoro Andrea Orlando. Per farsi dare informazioni relative agli ultimi incidenti di questo tipo - basti ricordare il lutto altrettanto tremendo della 22enne Luana D'Orazio, stritolata da un macchinario in un'aziendina di Prato - e per sapere delle iniziative adottate dal ministero per contrastare gli incidenti e per aumentare la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Laila morta sul lavoro, si muove Mattarella

 

Durante la telefonata, Orlando ha informato il capo dello Stato che il tema della sicurezza e della salute sul lavoro è sottoposto «ad una costante ed incisiva attenzione». Ma Mattarella, appunto, ha voluto dare un segnale. Ha preso il tema con la forza della sua autorevolezza, e della sua popolarità, per fare in modo che la politica a cominciare dal governo che lo stesso Capo dello Stato molto sostiene e apprezza lo tenga come uno dei suoi dossier principali. In un Paese che agli occhi di Mattarella, e secondo la sua cultura di riferimento, non solo ha bisogno di più lavoro ma di lavoro migliore e più sicuro.

Laila El Harim muore incastrata nel macchinario killer come Luana D'Orazio. Aveva una bimba di 4 anni


LE MISURE
Il Presidente conosce bene il problema. Sa che la carenza di ispettori del lavoro è una delle criticità maggiori. Nel Modenese per esempio, lì dove ha trovato la morte l'operaia Laila nell'azienda packaging Le Bombette in località Camposanto, secondo le stime della Cisl locale gli ispettori del lavoro sono calati del 30 per cento negli ultimi anni. Il calo è stato sensibile anche nel resto dei territori italiani. E a questo proposito dal ministero di Orlando fanno sapere che è stata avviata e accelerata, dopo la sospensione determinata dalla pandemia, la procedura di assunzione di 2.099 nuove risorse all'Ispettorato Nazionale del Lavoro. Di cui 1053 ispettori, cui vanno aggiunti 184 amministrativi già previsti dal dl Recovery, per un totale di 2283 assunzioni. Ed è stato nominato un magistrato di elevata competenza in materia a capo dell'Istituto nazionale del lavoro. E così via: Orlando, un ministro che oltretutto viene dalla tradizione Pci e che si considera un laburista, non vuole farsi cogliere impreparato dal presidente Mattarella. Ma il problema resta. Morti, troppe morti. E la sensibilità nazionale di fronte a queste giovani operaie che perdono la vita è molto scossa. E Mattarella sente questo sconcerto diffuso. Orlando gli ha assicurato che riparlerà di questo stamane con le parti sociali, riunite insieme al ministro Speranza per fare un punto sui protocolli per la sicurezza anti-Covid.

Si ribalta con il muletto in fabbrica a Pordenone, muore operaio di 38 anni: lascia 2 figli piccoli


Intanto si è aperta un'inchiesta, per reato di omicidio colposo, sulla morte di Laila. E la procura di Modena avrebbe iscritto nel registro degli indagati il legale rappresentante dell'azienda. Un'iscrizione che però sarebbe da considerarsi come atto dovuto per chiarire come siano andate le cose martedì mattina, quando l'operaia è stata trascinata e schiacciata da una fustellatrice, un grosso macchinario utilizzato per sagomare il materiale da imballaggio. Sul corpo dell'operaia 40enne originaria del Marocco sarà eseguita l'autopsia.

Luana D'Orazio, verifiche sugli abiti della ragazza morta a Prato: forse trascinata


GLI ERRORI
Gli inquirenti hanno messo sotto sequestro la fustellatrice che ha provocato il decesso della donna. Secondo la relazione dell'Ispettorato nazionale del lavoro il macchinario era provvisto di un doppio blocco di funzionamento meccanico, «ma purtroppo azionabile, da parte dell'operatrice, soltanto manualmente e non automaticamente. Ciò ha consentito un'operazione non sicura che ha cagionato la morte per schiacciamento».
E questa è una storia terribile. Su cui Mattarella deve aver ragionato tanto e non ha voluto far mancare la sua voce.
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 11:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA