GIUSEPPE CONTE

Covid, il premier Conte: «Sia un Natale più sobrio o la curva si impenna: feste senza baci e abbracci»

Giovedì 19 Novembre 2020
Covid, il premier Conte: «Sia un Natale più sobrio o la curva si impenna: sarebbe una follia»

Per Giuseppe Conte con il Covid ancora presente «a Natale dobbiamo già predisporci a passare le festività in modo più sobrio: veglioni, festeggiamenti, baci e abbracci non è possibile. Al di là delle valutazioni scientifiche occorre buonsenso. Una settimana di socialità scatenata significherebbe follia e a gennaio rischiamo un innalzamento brusco della curva, in termini di decessi, stress sulle terapie intensive. Non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo prepararci a un Natale più sobrio, anche se pensiamo ci si possa scambiare doni e permettere all'economia» di crescere. Lo dice il premier nel suo intervento all'assemblea dell'Anci.

Roma, negozi apertura anticipata, Campidoglio prepara il cambio di orario: serrande alzate alle 9

Covid, il Governo studia il nuovo Dpcm per le feste di Natale

Il Natale a più velocità. Il Cts: dal 4 dicembre ripartono i ristoranti

Ancora: «È giusto che i sindaci possano anticipare i fondi per l'emergenza alimentare. Dobbiamo essere veloci, potrei prendere l'impegno di una norma, nel prossimo dl ristori ter, per consentire ai sindaci di usare le somme ancora a loro disposizione con l'impegno di restituirle loro nel 2021».

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA