Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alessia Pifferi, l'avvocato: «Vuole andare al funerale della figlia, è scollegata dalla realtà»

Mercoledì 27 Luglio 2022
Alessia Pifferi «vuole andare al funerale della figlia». L'avvocato: «ha gli occhi persi nel vuoto»

Alessia Pifferi, la donna che ha abbandonato la figlia di 18 mesi Diana in casa da sola a Milano, portandola a una morte di stenti, vuole andare al funerale della bimba. Lo ha detto l'avvocato, che ha raccontato come «la donna sia totalmente scollegata dalla realtà». La madre della piccola si trova in carcere a San Vittore, accusata di omicidio. «È una persona che ti guarda, ma non ti vede. Con gli occhi persi nel vuoto», ha detto l'avvocato Solange Marchignoli, legale insieme al collega Luca D'Auria. Pifferi «è talmente scollegata dalla realtà da voler andare al funerale figlia», riferisce l'avvocato, a cui la 37enne ha chiesto anche di telefonare a sua madre e al suo compagno, che però non si sono fatti trovare. «Ci soffre e non si capacita del fatto che possano abbandonarla», dice l'avvocato. Incredulità che Pifferi avrebbe dimostrato anche quando questa mattina a San Vittore i suoi difensori le hanno riferito dell'indignazione che la morte per stenti di Diana ha suscitato nell'opinione pubblica.

Diana «morta di stenti dopo cinque giorni di agonia». La Procura dà il nulla osta ai funerali

Alessia Pifferi, Diana morta di stenti: attesa per test tossicologici sul biberon della bimba. I risultati dell'autopsia

Alessia Pifferi è una donna «con gli occhi persi nel vuoto, che non ha consapevolezza di se stessa, di ciò che è accaduto, né delle conseguenze giuridiche», racconta il legale, precisando che la 37enne «non ha assunto psicofarmaci in carcere», dove «mangia, ma non dorme» e vive in isolamento, sorvegliata a vista.  Gli avvocati sono convinti che Pifferi abbia «commesso un delitto senza coscienza» e per questo hanno chiesto una consulenza neuroscientifica sulla donna. 

Alessia Pifferi: non ho dato l'En a Diana

«Non ho mai dato quelle gocce a mia figlia». Lo ha ribadito ai suoi difensori Alessia Pifferi. La donna che stamane ha avuto un colloquio in carcere con i suoi nuovi avvocati e ha ripetuto quanto già messo a verbale davanti a inquirenti e investigatori che la boccetta di "En", un potente tranquillante, era in cucina lontano dalla portata della bimba. E che sia lei stessa sia la bimba mai hanno preso quel farmaco. Come hanno spiegato i due legali, la donna secondo loro «sotto choc», ha detto che le «manca» la figlia e ha chiesto informazioni sul suo funerale. Inoltre, riferisce sempre la difesa, ha affermato che si sente «sola» e che nemmeno sua madre l'aiuta e né si fa sentire. I due legali hanno fatto sapere che nomineranno un consulente sia per valutare gli esiti dell'autopsia sia per gli accertamenti irripetibili, in programma il primo agosto, sul flacone di En, sul beccuccio del biberon e sul latte rimasto dentro, sugli indumenti della bimba e su un asciugamano blu sequestrati. Uno dei punti nodali da verificare è l'ipotesi che la piccina possa essere stata stordita con l'ansiolitico.

 

Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 12:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA