Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giulia, la bimba in coma dopo esser stata colpita da un trattore, apre gli occhi sentendo la voce dei genitori e di Gigi D'Alessio

Mercoledì 29 Giugno 2022
Bimba di 5 anni in coma apre gli occhi sentendo la voce dei genitori e di Gigi D'Alessio: era stata colpita da un trattore mentre era in auto

Qualche segnale confortante era già arrivato negli ultimi giorni. Ma quello arrivato nelle scorse ore da Frosinone è altrettanto incoraggiante. Giulia, la bimba di 5 anni di Atina rimasta vittima di un incidente lo scorso 11 giugno e in coma da tre settimane, ha aperto gli occhi per qualche secondo nel sentire la voce dei suoi genitori e di Gigi D'Alessio. Il cantante (di cui la mamma della piccola è una grande fan da sempre) aveva fatto recapitare un videomessaggio alla famiglia: «Forza Giulia, combatti che ti aspetto al mio concerto. Non arrenderti che ti vogliamo tutti bene». Negli ultimi giorni, nella stanza d'ospedale in cui si trova la bimba, la famiglia le ha fatto ascoltare le canzoni dello Zecchino d'oro e quelle più familiari per una piccola della sua età. Poi è arrivato anche il messaggio di Gigi D'Alessio. Giulia resta comunque in coma farmacologico

L'incidente

Tre settimane fa l'incidente: Giulia, che si trovava in auto con i genitori, seduta sul sedile posteriore insieme alla nonna e al fratello, si è sporta dal finestrino mentre sulla corsia opposta arrivava un trattore che l'ha colpita provocandole un trauma cranico. Al Policlinico Gemelli era stata salvata da un lungo intervento. Da qualche giorno ha iniziato a respirare in maniera autonoma e a fare i bisogni fisiologici: altri piccoli segnali che laciano ben sperare. Il gesto di Gigi D'Alessio è stato possibile grazie a Norberto Scala, poliziotto in servizio presso la questura di Frosinone e amico del cantante. È lui che ha fatto da tramite per far arrivare il messaggio alla famiglia. «Che Dio lo benedica, ha fatto un gesto bellissimo che non dimenticheremo mai» ha detto il nonno di Giulia. 

Ultimo aggiornamento: 20:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA