Roma, litigano per una bottiglia di vino: ammazzato dall'amico con un colpo alla testa

Litigano per una bottiglia di vino: ammazzato dall'amico con un colpo alla testa
di Marco De Risi

Un lite per avere un bottiglia di vino e altri banali motivi ha causato un omicidio dalle modalità brutali fra sbandati avvenuto al Laurentino. Un romeno di 50 anni, il 12 maggio, è stato trovato cadavere immerso in un canale di scolo lungo via dei Casali di San Sisto. In un primo momento gli investigatori della polizia non l’hanno inquadrato come omicidio.

Ma dopo l’autopsia è stato chiaro che il ”clochard” è stato ucciso. Il cranio presenta una profonda lesione probabilmente causata da un tondino in ferro. Gli uomini della Mobile hanno iniziato ad indagare e ieri hanno fermato un romeno di 37 anni che è accusato di omicidio e occultamento di cadavere. Quest’ultimo reato è stato rilevato anche per il fratello dell’assassino che è stato denunciato a piede libero.

Secondo gli investigatori, il feroce omicidio, avrebbe come movente dei futili motivi. Il corpo, trovato nel canale, era ricoperto da detriti ma gli investigatori hanno pensato in un primo momento, che era stata l’acqua a spostare i detriti sul corpo.
Mercoledì 15 Maggio 2019, 12:36 - Ultimo aggiornamento: 15-05-2019 14:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-05-15 19:37:20
spaco botilia

QUICKMAP