Ruby Ter, a Guerra e Sorcinelli due case gratis. «Barbara disse a Berlusconi: porto quei video ai giornalisti»

Lunedì 9 Dicembre 2019
Ruby Ter, a Guerra e Sorcinelli due case gratis. «Barbara disse a Berlusconi: porto quei video ai giornalisti»
Le Olgettine non facevano dormire sogni tranquilli a Silvio Berlusconi. Nel processo milanese sul caso Ruby Ter (a carico dello stesso Cavaliere) questa mattina ha testimoniato l'architetto e mediatore Ivo Redaelli, che ha raccontato alcuni particolari del rapporto tra l'ex premier e due ragazze in particolare, cioè Barbara Guerra e Alessandra Sorcinelli.

Leggi anche > Ruby Ter, Chiara Danese in lacrime: «Il bunga bunga mi ha rovinato la vita»

Guerra e Sorcinelli, ha raccontato Redaelli, che si occupava di alcune residenze date in comodato d'uso ad ex Olgettine, anni fa andarono a vivere «in comodato d'uso» e senza nemmeno «pagare le utenze» in due ville realizzate dall'archistar Mario Botta a Bernareggio, nel Monzese, comprate dallo stesso Berlusconi «per circa 800mila euro l'una, per un totale di 1,6 milioni».

Leggi anche > Marysthell Polanco fa tremare Berlusconi: «Sono una mamma, dirò la verità»



L'architetto ha aggiunto che la Guerra in quel periodo «dava in escandescenze»: «Minacciava di voler andare da un giornalista affamato di notizie e diceva 'vado a mostrare i video'. Io non li ho mai visti, posso supporre che riguardassero immagini casalinghe di Berlusconi». Berlusconi, stando alla testimonianza di Redaelli (il caso delle ville era emerso in indagini) che ha spiegato di essere «amico» dell'ex premier, «si sentiva molto triste, è una persona sensibile, aiuterebbe chiunque, le vedeva in mezzo alla strada, senza lavoro dopo lo scandalo, sperava si rifacessero una vita». 
 
 

La Guerra non aveva un regolare contratto per restare nella villa da 850mila euro, anche le spese delle utenze non erano a sue spese, e lo scandalo sulle cene eleganti le avevano causano «più di uno sbalzo di umore. Dalla gratitudine per Berlusconi passava a scenate da pazza, andava in escandescenza. Quando ne ho parlato con il presidente, lui disse 'queste ragazze per causa mia non hanno più lavoro' e sperava che dandogli una permanenza magari trovassero un fidanzato o una vita normale», aggiunge il testimone. 
 
 
Ultimo aggiornamento: 13:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA