«Ma voi sapete di cosa parlate?» Studentessa di medicina insultata e cacciata dai manifestanti no vax a Treviso

Domenica 19 Settembre 2021 di Maria Elena Pattaro
Il popolo no vax ai bastioni di Treviso

Studentessa di medicina allontanata e insultata dalla schiera No vax- No Green pass. Il motivo? Aver chiesto se i manifestanti conoscevano davvero le nozioni mediche sbandierate sui cartelli. «Non sanno neanche di che cosa parlano - afferma la giovane, indignata sotto la mascherina - è anche colpa loro se il virus continua a circolare e a mutare». Ieri pomeriggio a Treviso è andata in scena l’ennesima protesta organizzata dal variegato fronte dei “ribelli”. Circa 200 persone si sono radunate sul bastione di San Marco, lungo le mura, lontano dalle piazze dopo il malcontento degli esercenti. Niente mascherine, poca attenzione al distanziamento e i soliti cartelli. Mancava la scritta minacciosa contro il governatore Luca Zaia che nelle ultime due settimane era comparsa a San Vendemiano prima e sul bastione poi. In compenso c’era l’accostamento, ormai diventato un must, tra la svastica e la siringa: «No a nazisieri. Io uccido più di 100 guerrieri». 

Alan Steel, morto il guro della finanza: era un No-vax

Senigallia, un 13enne in lacrime dal medico: «I miei genitori non vogliono farmi vaccinare»

Un altro cartello elencava i presunti effetti collaterali del preparato anti Covid, tra cui la miocardite. Ed è proprio di questo che la studentessa ha chiesto conto. Perché passino le farneticazioni complottiste sul nuovo ordine mondiale, su una fantomatica dittatura sanitaria, sulla «ingiusta discriminazione» di chi essendo sprovvisto di Green pass non potrà accedere al posto di lavoro. Ma di fronte alla medicina strumentalizzata dai No vax non poteva fare finta di niente. «Mi hanno aggredita a parole» - racconta subito dopo. Qualcuno le ha detto di andarsene, qualcun altro le ha dato della «stupida».

 

«Mi sono avvicinata per chiedere a chi reggeva il cartello se davvero sapeva cos’è una miocardite - spiega -. Non ha saputo dirmelo e ha reagito male». In barba alle raccomandazioni che uno degli speaker aveva fatto poco prima sull’importanza di essere presenti sulle strade e piazze con dei cartelli, disponibili al dialogo per «convincere gli amici indecisi». 

Ultimo aggiornamento: 14:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA