Viminale, il Taser nella dotazione standard delle forze dell'ordine

Viminale, Taser entrerà ufficialmente in dotazione alle forze dell'ordine
ARTICOLI CORRELATI
Il Taser, la pistola elettrica usata come deterrente dalle polizie a livello internazionale, sarà tra le dotazioni standard delle forze di polizia. La questione è stata esaminata questo pomeriggio al Viminale durante il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, a cui hanno partecipato i vertici nazionali delle forze di polizia e dell'intelligence.

LEGGI ANCHE Migranti, Salvini diffida la Sea Watch: «Acque territoriali italiane vietate e porti chiusi»

È quanto si apprende da fonti del Viminale. Dal 5 settembre, data di inizio della sperimentazione, la pistola elettrica, data in dotazione alle polizie di 12 città (Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia, Brindisi, Genova), è stata utilizzata 60 volte: 46 dal personale della Polizia di Stato; undici dal personale dell'Arma dei Carabinieri; tre dal personale della Guardia di Finanza. In 47 casi gli interventi si sono risolti con la semplice estrazione dell'arma o con l'attivazione del 'warning arc', mentre nei restanti 13 la persona è stato colpito con i dardi.

 


«La sperimentazione del taser, attuata per 9 mesi in 12 città, è in dirittura d'arrivo e ha dato esiti ampiamente positivi» ed «entro quest'estate si partirà con l'utilizzo di questo strumento». Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, al question time rispondendo a un'interrogazione della Lega sulla sperimentazione del taser.

Salvini ha detto che la pistola a impulsi elettrici «ora i comuni capoluogo e quelli sopra 100mila abitanti - ha ricordato Salvini - potranno munire i corpi di polizia di tali strumenti».
Mercoledì 15 Maggio 2019, 17:50 - Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 09:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP