Cantante muore a 37 anni nella notte del matrimonio, il dolore della moglie: «Il mio cuore è andato via»

La moglie del cantante lo ha ricordato con un posto su Fecbook

Star emergente del country muore poche ore dopo il suo matrimonio: «Era un ragazzo gentile, amato da tutti»
Star emergente del country muore poche ore dopo il suo matrimonio: «Era un ragazzo gentile, amato da tutti»
di Redazione web
Mercoledì 30 Novembre 2022, 15:13 - Ultimo agg. 21:30
3 Minuti di Lettura

«Il cantante, Jake Flint, è morto nel sonno la notte dopo il matrimonio». Si legge così su The Oklahoman, il quotidiano che ha riportato la notizia che ha lasciato senza parole tutti i fan del musicista che si stava facendo largo nel panorama del genere country

Il mistero di Riccardo, morto in un incidente la notte prima della laurea. L'Università: «Da tempo non sosteneva esami»

Malore mentre fa jogging, soccorso da uno straniero: «Al 112 nessuno parlava inglese». Così Marco è morto a 47 anni

Padre di tre figli ucciso a calci e pugni per aver sedato una lite in strada, fermato un nigeriano

La vicenda

Le cause della morte di Jake, 37 anni, sono ancora da accertare, l'unica certezza è che ciò che è successo al cantante country dell'Oklahoma, Stati Uniti, ha scosso i fan del musicista, i suoi familiari e soprattutto la moglie Brenda con la quale si era sposato appena il giorno prima.

Nel comunicato stampa diramato dagli agenti di Jake, si legge che: «Jake era un instancabile sostenitore di tutti i suoi colleghi, faceva il tifo per loro. Il suo sorriso era contagioso e tutti lo amavano». 

Le parole della moglie Brenda

La moglie Brenda, che aveva appena coronato il suo sogno d'amore sposando Jake, ha condiviso il suo dolore e incredulità sul proprio profilo Facebook.

Il post recita: «Dovevamo guardare le foto del matrimonio, ma invece devo scegliere i vestiti per seppellire mio marito. Le persone non dovrebbero provare così tanto dolore. Il mio cuore è andato via e io ho davvero bisogno che torni. Non posso sopportare molto di più. Ho bisogno di lui qui».

© RIPRODUZIONE RISERVATA