Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cina e Covid, 25 milioni di cinesi in lockdown a Shanghai: proteste per la mancanza di cibo. Costruiti 100 ospedali d'emergenza

Sabato 9 Aprile 2022
Cina e Covid, 25 milioni di cinesi in lockdown a Shanghai: proteste per la mancanza di cibo

Insistono con l'opzione Covid zero in Cina. I cinesi sono per l'eradicazione del virus attraverso lockdown sistematici e rigidissimi che comportano sacrifici ma anche la morte delle attività economiche. Si sta alzando il livello del malcontento, però. Si registrano significativi problemi di natura logistica: interi territori dove non arrivano i rifornimenti di cibo e altri prodotti. A Shanghai, dove ci sono 25 milioni di cinesi in lockdown, le persone stanno scendendo in strada a protestare, e a cercare alimenti. In un servizio trasmesso dalla Cnn, la corrispondente spiega che ci sono proteste e situazioni al limite come malati di cancro che avrebbero bisogno di andare in ospedale per seguire la chemioterapia e che invece non possono uscire di casa. 

I social media hanno mostrato le scene di bambini positivi separati dai genitori. La notizia ha fatto molto clamore al punto che le autorità di Shanghai sono state costrette a cambiare le norme per consentire a un piccolo numero di genitori negativi al tampone di vivere con i bambini in un ospedale per la quarantena. Ci sono anche scene di anziani che camminano nel cortile sotto casa e che vengono redarguiti da pubblici ufficiali in tuta anti contaminazione. 

Quanti contagi ci sono in Cina? Nella giornata di ieri, la sola Shanghai ha segnalato 1.015 nuovi casi confermati di Covid-19 e 22.609 asintomatici, tutti a trasmissione locale. Al momento sono in corso tamponi di massa a tappeto su tutto il territorio cittadino. Nel solo Lazio, per dire, ieri si contavano 6.849 nuovi positivi. 

Eppure la Cina non vuole farsi trovare impreparata. Shanghai ha costruito oltre 100 ospedali di emergenza per il trattamento del Covid-19 con più di 160.000 posti letto. Lo ha fatto sapere oggi il governo municipale in una conferenza stampa. Nella megalopoli cinese vi sono anche otto ospedali designati con oltre 8.000 posti letto e nel corso del fine settimana ne entreranno in funzione altri.

Gli Stati Uniti sconsigliano i viaggi in Cina. La raccomandazione è arrivata nelle ultime ore dal Dipartimento di Stato Usa in relazione alla nuova ondata di contagi da Covid-19 e alla dura politica della Cina per contenerne la diffusione. L'invito ai connazionali è a «ripensare i viaggi nella Repubblica popolare cinese a causa dell'applicazione arbitraria di leggi locali e restrizioni relative al Covid-19», a «non viaggiare» verso la provincia di Jilin, Shanghai e Hong Kong «a causa delle restrizioni relative al Covid-19, compreso il rischio che genitori e figli possano essere separati».

Video

Per l'ex colonia britannica sempre più nell'orbita di Pechino viene segnalata «l'applicazione arbitraria di normative locali». Autorizzata la «partenza volontaria» per lo staff diplomatico non essenziale a Shanghai e per i familiari. La città è tra le più colpite dalla nuova ondata di contagi, con le città di Shenyang e Changchun, nel nordest della Cina. 

Ultimo aggiornamento: 16:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA