Manager morto avvelenato in barca in Croazia, la fonte del gas tossico è un generatore. Skipper e armatore in libertà provvisoria

Giovedì 15 Agosto 2019
Manager morto avvelenato in barca in Croazia, la fonte del gas tossico è un generatore

È un generatore a benzina la fonte del gas tossico che ha causato la morte martedì scorso in Croazia del manager siciliano Eugenio Vinci e l'avvelenamento di altri cinque turisti italiani. Il generatore era installato sulla barca a vela contrariamente alle le norme di sicurezza e i regolamenti. Il proprietario e lo skipper della barca a vela arrestati ieri per aver infranto i regolamenti e agito contrariamente alle specifiche norme tecniche relative al funzionamento della barcasi sono dichiarati innocenti. Arrestati ieri sera sull'isola di Hvar oggi hanno ottenuto dal giudice istruttore della magistratura di Spalato la libertà provvisoria.

I due uomini hanno dichiarato di aver prestato pronto soccorso ai turisti italiani intossicati e di essere in uno stato di choc. Il proprietario del caicco Atlantia, noleggiato delle tre famiglie siciliane per una settimana di vacanze in Croazia, e lo skipper della barca sono sospettati di «reati contro l'incolumità pubblica» aggravati dalla morte di una persona. Secondo gli inquirenti, recentemente hanno istallato sulla barca, contrariamente alle norme di sicurezza, un generatore a benzina, dal quale si è sprigionato il gas tossico. La procedura giudiziaria è ancora in una fase molto precoce e ora bisogna attendere la conclusione di tutte le perizie tecniche dopo le quali la magistratura potrà formalmente incriminare i due croati. 

La stampa croata ipotizza che recentemente sulla barca a vela si fosse guastato il generatore a diesel e che i due avessero deciso di sostituirlo con uno a benzina che si raffreddava ad aria. L'inchiesta ha stabilito che l'istallazione del generatore sostitutivo è avvenuta l'otto agosto scorso. L'uso di simili generatori a benzina è proibito sulle imbarcazioni e sono di solito adoperati nell'edilizia e in aree aperte e ben arieggiate. Dal generatore nella notte tra lunedì e martedì è fuoriuscito il monossido di carbonio che ha poi raggiunto le cabine dei turisti italiani.

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 12:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA