Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, lettera a Putin dai santuari di Fatima e Lourdes per chiedergli di fermare i missili: «Guerra disumana»

Venerdì 1 Aprile 2022
Ucraina, lettera a Putin dai santuari di Fatima e Lourdes per chiedergli di fermare i missili: «Guerra disumana»

Città del Vaticano - Fatima, Lourdes, Czestochowa, Loreto, Mariazell. Per la prima volta i maggiori santuari europei hanno scritto a Putin per condannare l'attacco deciso contro Kiev e chiedere la fine delle ostilità.

Dopo il rito della consacrazione della Russia e dell'Ucraina al cuore immacolato di Maria, effettuato in contemporanea con la celebrazione papale di San Pietro, i sette più importanti luoghi di pellegrinaggio mariani d'Europa hanno condannato l'invasione della Russia in Ucraina e hanno detto di sostenere la candidatura di Kiev per entrare nell'Unione Europea.
 
«Rifiutiamo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e condanniamo con forza le devastanti ostilità della Federazione Russa» ha affermato l'Associazione dei Santuari d'Europa in una lettera aperta indirizzata al presidente russo, allo stesso tempo è stato chiesto al Parlamento europeo di accettare l'Ucraina nell'UE.
 

«Piangiamo ogni vita che è stata persa in questa battaglia impari; siamo solidali con la sofferenza di innumerevoli persone e deploriamo la distruzione. È con la massima determinazione che chiediamo la fine immediata di questa guerra disumana e il ripristino della pace per l'Europa e il mondo».
 
I Santuari d'Europa sono un'associazione composta dalla basilica di Altoetting (Germania), Czestochowa (Polonia), Einsiedeln (Svizzera), Lourdes (Francia), Loreto (Italia), Fatima (Portogallo) e Mariazell (Austria). 
 

Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 06:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA