Terremoto Amatrice, Charlie Hebdo a processo per diffamazione per le vignette: «Offese le vittime»

Sabato 10 Ottobre 2020
Terremoto, Charlie Hebdo a processo per diffamazione per le vignette su Amatrice

PARIGI Al via a Parigi il processo per diffamazione intentato dal comune di Amatrice contro Charlie Hebdo per le due vignette sul terremoto dell'agosto 2016. Dopo una querela in Italia a settembre 2016, il settimanale satirico francese venne denunciato anche in Francia, nel novembre successivo, per «ingiuria» e «diffamazione». Le due vignette, pubblicate il 31 agosto dello stesso anno, provocarono una valanga di proteste: nella prima, «Sisma all'italiana», si vedevano tre vittime del terremoto definite come «penne al pomodoro», «penne gratinate» e «lasagne», tutti feriti o sepolti dalle macerie. L'ambasciata di Francia a Roma aveva specificato che «il disegno di Charlie Hebdo non rappresenta in nulla la posizione della Francia».

 

 


L'UDIENZA
La seconda vignetta, qualche giorno dopo, mostrava una vittima agonizzante sotto le macerie, che dice «Italiani, non è Charlie Hebdo che costruisce le vostre case, è la mafia!». Secondo l'avvocato francese, Yassine Maharsi, il sindaco e il Comune di Amatrice ritengono entrambe le vignette offensive «verso le vittime e verso gli italiani in generale». Da parte sua, il giornale duramente colpito dall'attentato jihadista del 2015 si è sempre difeso invocando la libertà di espressione e di satira.

 

Terremoto Amatrice, 5 condanne per il crollo delle due palazzine popolari

 


Ieri dunque c'è stata la prima udienza. Si tratta di un passaggio preliminare: la giustizia francese ha deciso l'ammissibilità della richiesta del Comune italiano, senza entrare nel merito. Il prossimo passaggio è previsto quindi per il 20 novembre, quando verrà stabilito se inizierà o meno il processo vero e proprio. L'avvocato del giornale francese aveva sostenuto la nullità e l'irricevibilità della denuncia fatta da Amatrice. Un altro nodo giuridico, evidenziato dalla stessa Procura parigina, sta nel fatto che secondo il diritto francese un'entità come il Comune non è autorizzata ad agire in giudizio per conto dei suoi abitanti e del popolo italiano in generale.

Ultimo aggiornamento: 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA