Il premier Conte in corsa per una cattedra all’università La Sapienza: «Non parteciperò»

Conte in corsa per una cattedra all’università La Sapienza. L'opposizione insorge
ARTICOLI CORRELATI
4
  • 64
Il premier Giuseppe Conte è candidato a un concorso per una cattedra di diritto privato alla Sapienza di Roma e lunedì dovrebbe sostenere una prova di inglese con altri tre aspiranti. A rivelarlo è il sito politico.eu. E subito scoppia la polemica, con le opposizioni all'attacco sul conflitto di interessi per il professore prestato alla politica e con tanto di interrogazione parlamentare del Pd. Finché in serata l'interessato chiarisce che a causa dei suoi «impegni istituzionali» non parteciperà all'esame per l'ateneo romano, in cui a inizio anno aveva chiesto di essere trasferito.

 


Politico.eu ha rivelato che Conte a febbraio ha presentato domanda per trasferirsi da Firenze a Roma, molto prima di venire scelto dal M5S prima come ministro di un potenziale governo e poi come presidente del Consiglio. Il professore, secondo il giornale online, avrebbe avuto intenzione di presentarsi lunedì assieme ad altri tre candidati. Ancora il 1 agosto e il 4 settembre il processo di selezione è proseguito, con la giuria che ha valutato pubblicazioni e cv di Conte, senza sollevare problemi di incompatibilità, nonostante le regole in materia della Sapienza stessa, la legislazione del 2010 sulle università e uno statuto del 1980.

 

Quanto basta per far gridare l'opposizione al mancato rispetto delle regole e far creare al deputato Pd Luciano Nobili l'hashtag "ConteBarone", chiedendone le dimissioni. O a far scrivere su Twitter alla vicepresidente vicaria dei dem Alessia Rotta «Conte si candida e Giarrusso controlla», riferito all'ex Iena di Mediaset ed ex candidato M5s alle elezioni incaricato di sorvegliare i concorsi universitari. «Conte farebbe bene a scegliere immediatamente fra la cattedra dell'Università o il banco del Governo», dice Patrizia Marrocco, deputata di Forza Italia.

«Un premier a mezzo servizio che tratta il governo del paese come un dopolavoro. Conte concorre per una cattedra universitaria in conflitto di interessi?». È il tweet della deputata del Pd Alessia Morani, rilanciato anche da Matteo Renzi. 
 
«Quando sono stato incaricato premier vivevo un'altra vita professionale di professore e avvocato», risponde pacato Conte in conferenza stampa sul disegno di legge anticorruzione a Palazza Chigi in serata. «Questa mia nuova veste mi impone di riconsiderare questo incarico» alla Sapienza e di «non partecipare al colloquio di lunedì - aggiunge, senza rinunciare all'ironia - anche se l'idea di un colloquio in inglese dopo aver incontrato Trump era carina!».

 
Giovedì 6 Settembre 2018, 17:38 - Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 19:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-09-07 05:25:59
ha già chiarito che non parteciperà ,,,,,,,,,quindi silenzio ,,,,,,,occupatevi invece di non far fare politica ai magistrati,
2018-09-06 23:15:59
Il deputato Luciano Nobili noto come perdente di successo dall’alto di un diploma di istituto tecnico commerciale mi sembra la persona certamente idonea da parte del PD ad elaborare un commento su questa vicenda..
2018-09-06 21:36:44
Finalmente un governo contro le nefandezze e gli scandali degli ultimi trent'anni. in particolare gli ultimi sei...
2018-09-06 21:23:24
il Pd continua a perdere occasioni per tacere

QUICKMAP