Voto per l'Europa, il Sud dimenticato: i big della politica snobbano il Mezzogiorno

ARTICOLI CORRELATI
di Mario Ajello

9
  • 207
Non è un caso. Non lo è affatto. Perché vista la rimozione del tema Mezzogiorno dall'azione del governo e la scarsa centralità della questione meridionale nella campagna elettorale per le Europee, risulta quasi ovvio e naturale che nessuno dei leader chiuderà stasera il tour dei comizi in una città del Sud. Come se questo pezzo d'Italia non esistesse. Ecco allora Matteo Salvini che conclude il suo giro per le piazze italiane a Piacenza (ma salta altre tappe in Emilia temendo contestazioni), a riprova del suo pallino che è quello di espugnare l'Emilia rossa sia domenica sia alle regionali dopo l'estate. Luigi Di Maio non punta sul Sud, forse anche perché si sente più sicuro laggiù rispetto al Centro dove deve recuperare o rispetto al Nord dove deve dimostrare che il grillismo esiste anche se non si vede più e alle ultime elezioni amministrative ha raggranellato pochissimi voti. Insomma chiude la campagna elettorale a Roma il capo M5S. Rinunciando ad andare a sventolare nel Mezzogiorno il reddito di cittadinanza - forse perché si aspettava di più propagandisticamente parlando da questa misura assistenziale pensata per il Sud e penalizzante per una terra che ha bisogno di lavoro? - ed evitando magari anche contestazioni in una terra che è stata granaio di voti grillini il 4 marzo 2018 ma poi, vicenda Tap, la retromarcia sull'Ilva e via dicendo, ha mostrato segni forti di disaffezione. Come nel voto in Abruzzo e in Molise, anche se in alcune città siciliane alle ultimissime amministrative i pentastellati sono andati benino.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 24 Maggio 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 24-05-2019 08:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-05-25 09:22:32
Salvini: Di Maio in peggio.
2019-05-24 10:56:21
Di Salvini é meglio non parlarne o nominarlo. Di Maio mi fa solo pensare quando Achille Lauro e Mario Ottieri offrivano nei loro comizi un chilo di pasta e pane al popolo napoletano. Cosi, con le dovute proporzioni, é arrivato l'obolo del reddito di cittadinanza, e il lavoro dov'é?
2019-05-24 10:13:37
ho chiesto ad un paio di amici e parenti che abitano fra Roma e Milano, mi dicono che anche lì la campagna elettorale è quasi assente. Uno di loro mi ha detto di avere l'impressione che i partiti si stiano rivolgendo più ai propri elettori anziché cercare di guadagnare voti rivolgendosi ai cosiddetti indecisi (che sono, ricordiamolo, circa il 40% dell'elettorato. Non poco, quindi). Il Meridione, poi, che lo diciamo a fare. Sono anni, ad esempio, che i nostri giovani vanno al centro - nord per lavorare per altri, anziché per la propria terra d'origine.
2019-05-24 10:09:45
I "big" snobbano il Sud? Bene, ne sono fiero.
2019-05-24 09:22:10
Se vengono qui solo per fare comizi allora è meglio che vadano da un'altra parte. Finora non ho sentito nessuno che dicesse: Rimbocchiamoci le maniche e presentiamo progetti per utilizzare i fondi europei. Ma per fare questo occorrerebbe lavorare, essere presenti nel parlamento europeo. Mentre è più comodo lamentarsi dell'Europa, utilizzarla per continuare a fare politica nazionale. E poi farsi eleggere ma non fare alcuna attività a vantaggio dell'Italia. Andate a controllare cosa hanno fatto gli italiani in Europa nell'ultima legislatura e chi è stato presente o assente. Basterebbe questo per votare in modo più consapevole. Altrimenti siamo solo complici di questa situazione ed usiamo il vittimismo come alibi.

QUICKMAP