Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Guerra Russia Ucraina, Draghi: «Putin metta fine allo spargimento di sangue e ritiri le truppe in modo incondizionato»

Giovedì 24 Febbraio 2022
Guerra Russia Ucraina, Draghi: «Quanto succede a Kiev riguarda tutti noi»

«Quanto succede in Ucraina riguarda tutti noi, il nostro vivere da liberi e le nostre democrazie. L'Italia, gli europei e tutti gli alleati chiedono a Putin mettere fine allo spargimento di sangue e ritirare le forze militari dai confini ucraina in modo incondizionato». Lo ha dichiarato il premier Mario Draghi facendo il punto nel giorno dello scoppio della guerra. L'Ucraina è una «democrazia colpita nella propria legittima sovranità. Esprimo la solidarietà piena incondizionata del popolo italiano al popolo ucraino e al presidente», ha spiegato Draghi.

Guerra Russia-Ucraina, diretta. Esplosioni a Kiev: morti e civili in fuga

Ucraina, truppe russe sbarcano a Odessa: perché Putin vuole togliere a Kiev l'accesso al mare

«Ho sentito i partner europei e la presidente della commissione Ue. Con gli alleati della Nato ci stiamo coordinando per potenziare le misure di sicurezza. Stiamo rafforzando il nostro contributo miliare. Domani ci sarà una riunione straordinaria della Nato», ha annunciato. «Sono ore di grande preoccupazione per i cittadini: domani riferirò al Parlamento sul conflitto in corso, il governo intende lavorare senza sosta per risolvere la crisi accanto ai nostri alleati e faremo tutto il necessario» per garantire la «sovranità dell'Ucraina e la sicurezza dell'Ue, l'ordine internazione che si basa sulle regole da noi tutti condivise».

Video

«La nostra Ambasciata a Kiev è aperta, pienamente operativa e mantiene i rapporti con le Autorità ucraine, in stretto coordinamento con le altre Ambasciate, anche a tutela dei circa 2000 italiani residenti. L' Ambasciata resta in massima allerta, pronta ad adottare ogni necessaria decisione», ha spiegato Draghi. 

La condanna dell'Italia all'attacco russo

Una ferma condanna dell'attacco russo all'Ucraina e un lavoro insieme «agli alleati europei e della NATO per rispondere immediatamente, con unità e determinazione». Queste le prime parole del premier italiano Mario Draghi dopo l'avvio da parte di Putin dell'assalto all'Ucraina. Il presidente del Consiglio ha riunito in mattinata il Comitato interministeriale per la Sicurezza della Repubblica, nel corso del quale «sono stati esaminati gli ultimi sviluppi della crisi in Ucraina e valutate le misure da adottare». Dal Consiglio dei ministri c'è il pieno mandato a Draghi per una risposta dura dell'Unione europa in chiave sanzioni alla Russia, si è appreso da diversi partecipanti alla riunione da poco conclusasi.

 

Ultimo aggiornamento: 17:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA