Vaccino, cosa c'è da sapere prima di farlo? Tampone, positivi, scelta del siero: le Faq

Giovedì 11 Marzo 2021
Tutto quello da sapere prima di fare il vaccino

Posso scegliere il vaccino? Devo fare il tampone prima di riceverlo? Cosa devo portare quando vado a iniettarmi il farmaco? Queste sono alcune delle domande che si pone chi sta per ricevere la prima somministrazione. Al momento, 11 marzo, in base ai dati divulgati dal Ministero della Salute sono stati vaccinati con la seconda dose 1.803.693 persone. E le dosi totali inoculate sono 6.005.183. Se si procederà a questo ritmo, la fine prevista per la campagna di vaccinazione è per agosto del 2022.

 

 

Le domande

Se ho già avuto Covid posso vaccinarmi?

Sì. Ma chi è guarito potrebbe avere una sola dose di vaccino, secondo quanto indicato dal Ministero della Salute. «È possibile considerare la somministrazione di un'unica dose di vaccino» anti-Covid-19 nei soggetti con «regressa infezione da SARS-CoV-2 (decorsa in maniera sintomatica o asintomatica)». È quanto si legge nella circolare del ministero della Salute “Vaccinazione dei soggetti che hanno avuto un'infezione da SARS-CoV-2”, firmata dal direttore della Prevenzione Gianni Rezza.

Se ho il Covid, o sono stato a contatto con una persona che ce l’ha, posso fare il vaccino?

No. Se si è positivi al coronavirus, bisogna rimanere a casa e seguire le regole relative all’isolamento. Se si è solo stati esposti, a contatto stretto con una persona positiva, non si può comunque fare il vaccino e si deve attendere che sia passato il periodo finestra e la quarantena: ovvero 14 giorni dall’ultima volta che sono stati a contatto con il caso positivo, senza dover eseguire un tampone, oppure per 10 giorni dall’ultima esposizione, effettuando però il decimo giorno un test antigenico o un tampone che risulti negativo.

È necessario fare il tampone prima del vaccino?

No, al momento non c'è alcuna indicazione al riguardo.

Se ho avuto Covid e a distanza di un mese o più ho ancora sintomi posso vaccinarmi?

Sì. Chi ha il cosiddetto Long Covid e sintomi da più di 3-4 settimane, ma non è più in isolamento, potrà ricevere la vaccinazione secondo le tempistiche indicate successivamente dalle autorità sanitarie.

Se ho delle malattie posso fare il vaccino?

Prima della vaccinazione il personale sanitario chiede a chi si sta per vaccinare alcune domande sulla situazione clinica e valuta se ci sono controindicazioni o precauzioni particolari.

Quanto devo pagare per il vaccino?

La vaccinazione è gratuita per tutte le persone.

È possibile vaccinarsi privatamente a pagamento?

No, i vaccini disponibili attualmente saranno utilizzati soltanto nei presidi definiti dal Piano vaccini e non saranno disponibili nelle farmacie o nel mercato privato.

Se ho il permesso soggiorno vengo vaccinato dopo?

No. Si segue lo schema di priorità, che riguarda prima alcune categorie vulnerabili, definito nel Piano vaccini. E saranno vaccinate tutte le persone in Italia: residenti, con o senza permesso di soggiorno.

Cosa devo portare quando vado a vaccinarmi?

Un documento di identità valido (es. carta d'identità, patente, passaporto e simili) e la tessera sanitaria. Se poi si presenta anche il documento del medico in cui vengono elencate eventuali patologie, può aiutare chi vaccina a valutare la situazione.

Posso scegliere il vaccino?

No, il vaccino è quello che viene somministrato secondo il piano elaborato dal Ministero della Salute.

Dopo il vaccino posso andare via?

La raccomandazione è di attendere almeno 15 minuti. Questo perché, se la persona ha una storia di reazioni allergiche gravi, è bene che eviti di mettersi alla guida prima di 30 minuti dalla vaccinazione.

Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 11:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA