Daniel Anrig, scomparso in Svizzera l'ex capo delle guardie del Papa: nel 2014 fu congedato «per modi bruschi»

Sparito nel nulla, non si hanno sue notizie e non risponde né al telefono né alle mail

Daniel Angrid, scomparso in Svizzera l'ex capo delle guardie del Papa: nel 2014 fu congedato «per modi bruschi»
Daniel Angrid, scomparso in Svizzera l'ex capo delle guardie del Papa: nel 2014 fu congedato «per modi bruschi»
Venerdì 25 Novembre 2022, 17:06 - Ultimo agg. 17:18
3 Minuti di Lettura

Giallo in Svizzera per la scomparsa di Daniel Anrig che per cinque anni è stato comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano e che era stato congedato dallo stesso Papa nel 2014. Allora si parlò di comportamenti troppo bruschi nei confronti dei sottoposti ma di fatto il mandato quinquennale, al momento della decisione del Papa, era scaduto e non fu rinnovato. Ora invece non si hanno sue notizie e non risponde né al telefono né alle mail. È segretario comunale a Zermatt ma ora il municipio avrebbe messo un annuncio per la ricerca di un nuovo funzionario che possa prendere il suo posto. Il rapporto di lavoro era stato sciolto a fine ottobre ma Anrig avrebbe dovuto lavorare al Comune fino a fine dicembre e invece non si è più presentato in ufficio. È stato cercato anche nella sua abitazione che risulta invece vuota. Sparito nel nulla.

Il mistero

La stampa svizzera online parla di «mistero». Secondo il «Walliser Bote», Romy Biner-Hauser, il sindaco di Zermatt, cittadina ai piedi del Cervino nota per le sue piste da sci, spiega solo che Anrig sta «cercando un riorientamento professionale». Ma il fatto che non sia raggiungibile fa ipotizzare anche - secondo quanto scrive «Nau.ch» - che «la sua partenza sia dovuta a procedimenti penali a suo carico al di fuori del Cantone Vallese». Quando Anrig fu congedato da Papa Francesco, diverse furono le voci che circolarono al riguardo del comandante. Il fatto di aver sistemato per lui un grande appartamento sopra la caserma, che non ha proprio il massimo dei confort e che infatti da anni dovrebbe essere ristrutturata, non era una cosa ben vista.

Becciu e la telefonata a Papa Francesco registrata: nell'audio la richiesta di conferma di autorizzare i pagamenti per liberare la suora rapita

Ma soprattutto alcune guardie lamentavano i modi troppo bruschi e il Pontefice argentino avrebbe quindi optato per una gestione un po' meno "militare". L'ex capo della Guardia Svizzera Pontificia, in una intervista successiva al suo congedo, negò di avere usato metodi duri con i suoi alabardieri e sottolineò che la Guardia svizzera «richiede un comando severo e le guardie lo capiscono». Precedentemente al suo incarico in Vaticano, quando era capo della polizia criminale del Cantone di Glarona, fu protagonista di un incidente che il «Tages-Anzeiger» in seguito descrisse come «uno dei più grandi scandali di polizia in Svizzera»: durante un'irruzione in un alloggio per richiedenti asilo, Anrig chiese che i richiedenti asilo venissero svestiti e legati. Il successivo procedimento penale si concluse però con la sua assoluzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA