Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cinghiale investito e ucciso da un'auto a Ostia, conducente ferito. «Questa strada ormai è una roulette russa»

`L’animale preso in pieno è morto sul colpo, ferito un 42enne

Sabato 16 Aprile 2022 di Moira Di Mario
Cinghiale investito e ucciso da un'auto a Ostia, conducente ferito. «Questa strada è una roulette russa»

È sbucato verosimilmente dalla Pineta di Castel Fusano il cinghiale investito ieri da una macchina in via Litoranea a Ostia. L'automobilista, un 42enne residente a Pomezia che a quell'ora stava andando ad aprire il suo bistrot in viale dei Promontori, lo ha visto uscire all'improvviso dalla fitta vegetazione, ha subito frenato non riuscendo però ad evitare l'impatto con l'animale che è morto dopo essere stato trascinato per una novantina di metri sull'asfalto. Per cercare di schivarlo il titolare del bar ha invaso corsia opposta dove solo per un caso fortuito non passavano altre vetture. L'urto con il mammifero è stato fortissimo: sono esplosi gli airbag, si è sganciato il cofano e per un tratto di strada l'uomo ha guidato alla cieca. L'incidente si è verificato subito dopo l'incrocio con via Ugo Ferrandi.

 

L'automobilista, leggermente ferito, è stato trasportato all'ospedale Grassi dove è stato medicato e monitorato. A ricostruire la dinamica e a effettuare i rilievi ci hanno pensato gli agenti della polizia locale del Gruppo X Mare che hanno chiuso un tratto di strada, istituendo il senso unico alternato per consentire la pulizia della Litoranea dai detriti, aspettare il veterinario della Asl Roma 3 e rimuovere il grosso mammifero. Inevitabili i disagi alla circolazione, fortemente rallentata fino a metà mattinata. Dopo l'episodio di ieri, la scarsa manutenzione della recinzione della Pineta è di nuovo finita sul banco degli imputati. Tanti i cittadini e i frequentatori di Castel Fusano che puntano il dito sulla mancata sostituzione della rete di protezione dell'enorme parco urbano di Ostia.

Roma, una Ztl per i cinghiali. «Recinti in tutti i parchi»

«Le recinzioni sono l'unica soluzione per contenere la fauna selvatica, evitando che esca dalle riserve naturali e attraversi le strade dice Emanuela Bignami, vice presidente della Lega nazionale del cane sezione di Ostia occorre ripristinarla in tutti i punti in cui è danneggiata». A farlo dovrebbe essere il Campidoglio a cui sono affidate le competenze nella gestione della parte di Pineta che ricade all'interno del perimetro del X Municipio. Secondo molti cittadini, però, la rete di protezione risalirebbe addirittura gli anni '50 del secolo scorso e da allora, a parte qualche sporadica manutenzione, nulla è mai stato fatto.

«A Castel Fusano dicono runner e biker i cinghiali ci sono sempre stati. Occorre metterli in sicurezza per scongiurare situazioni di pericolo per loro e per gli umani. La convivenza è possibile, deve essere tuttavia gestita nel modo giusto». Nel 2016 un gruppo di cittadini aveva addirittura battezzato uno di questi grossi mammiferi. Lo avevano chiamato Pippo e gli gettavano cibo ogni volta che lo incontravano passeggiando in Pineta.

Un cinghiale assale un canoista (che finisce in ospedale), paura a Castel Gandolfo

«Era piuttosto mansueto ricordano e appena ci vedeva si stendeva su un fianco». Ma non tutti gli ungulati rimangono nella Riserva. Qualche volta escono, attraversando le strade in cerca di acqua, più raramente di cibo. Sbucano all'improvviso sulla Litoranea, come era già accaduto una quindicina di anni fa quando morì un finanziare nell'impatto con un cinghiale. Più spesso attraversano via di Villa di Plinio, dove sono stati avvistati più volte e addirittura seguiti a bassa quota da un elicottero della Polizia di Stato che una ventina di anni fa riuscì a spingerli di nuovo in Pineta da dove erano usciti rischiando di essere investiti. Un salvataggio rocambolesco dall'alto che, all'epoca, venne seguito da centinaia di persone.
 

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 11:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA