Agguati ai passanti con il coltello,
finisce a processo rapinatore seriale

di Nicola Sorrentino

FISCIANO - Rapinava i passanti con un coltello, ma in un caso, usò anche violenza, trascinando la vittima per terra, prima di sottrarle dei soldi. Finisce a processo a seguito di una richiesta di giudizio immediato a firma della Procura di Nocera Inferiore, sostituto procuratore Roberto Lenza, M.G. , 40enne calabrese, identificato dai carabinieri di Mercato San Severino per due rapine commesse a Fisciano, nei primi giorni di novembre. In quattro giorni, l'uomo riuscì a rapinare due persone. Nel primo caso, si avvicinò ad una straniera dell'Ecuador, minacciandola con un coltello, dopo averle teso un agguato. La donna fu costretta a consegnare 300 euro in contanti ed un telefonino cellulare Huawei. Per il secondo episodio, invece, alla vittima andò male, perchè restò anche ferita durante la rapina. Con lo stesso modus operandi, l'uomo seguì la persona scelta per il colpo, per poi minacciarla con il solito coltello. L'uomo reagì e fu aggredito, finendo per essere strattonato e trascinato a terra. Il rapinatore si impossessò di 50 euro e fuggì, mentre la persona aggredita fu costretta a recarsi in ospedale per le ferite riportate. M.G. risulta avere diversi precedenti dello stesso tipo e fu denunciato a piede libero dai carabinieri, dopo le denunce sporte delle vittime. In virtù degli elementi raccolti, giudicati evidenti dalla procura, l'uomo è finito ora a processo con rito immediato. 
Venerdì 21 Dicembre 2018, 20:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP