Il ministro Provenzano a Palomonte:
«Riprogrammare le risorse non spese»

Mercoledì 20 Novembre 2019 di Margherita Siani
Il ministro Provenzano a Palomonte: «Riprogrammare le risorse non spese»

«Riprogrammare le risorse non spese per rilanciare il Mezzogiorno. E su questo la scuola avrà un ruolo fondamentale», il ministro Giuseppe Provenzano lo ha detto Palomonte intervenendo a sostegno della realizzazione di una scuola unica in un Comune diviso tra frazioni e più scuole. Un progetto innovativo su cui il sindaco, Mariano Casciano, sta lavorando insieme all'università di Venezia e alla Fondazione Leonardo, presenti alla presentazione dell'idea progetto, che è progetto sia infrastrutturale che sociale. «Abbiamo bisogno di normalità - ha detto il ministro - Abbiamo bisogno di scuole come quella pensata a Palomonte, per recuperare la dimensione di comunità, capace di accogliere bambini e genitori».

Il valore di un centro siffatto lo conosce il ministro, cresciuto in un piccolo borgo siciliano. «Se prima - dice con rammarico - la frase dei genitori era “se studi ce la fai”, oggi non è più così. Oggi sembra valere il “più studi più puoi andartene”, e se non se ne vanno oggi è una vergogna». Questa drammatica e reale sintesi è il senso di un investimento su scuola e normalità per il ministro, perché vi siano possibilità invece per tutti. E le possibilità sono in fondi e bandi sia del ministero che della Regione, come ha sottolineato anche Franco Picarone, presente all'incontro, insieme ai giornalisti Antonello Caporale e Pierangelo Buttafuoco, ad Alberto Ferlenga, rettore università di Venezia, Alberto Fiori della Fondazione Leonardo, Peppino Caldatola della Civiltà delle macchine. 

E poi le aree interne, ossatura dei piccoli Comuni. «Non possiamo immaginare sviluppo solo nei grandi centri - ha continuato Provenzano - o avremo contraccolpi demografici non recuperabili. Il problema è che se pensi di non contare, poi voti per rabbia. Se pensi che non stai partecipando ad un percorso di cambiamento, voti contro. Questo è un tema politico che riguarda tutti». Da qui la nascita della strategia delle aree interne per progettare servizi, infrastrutture, rimettere in sesto e rendere normalmente fruibili le cose che pure ci sono. «A volte aggiungere un treno in più, ti risolve un problema di trasporto - dice ancora - Il futuro è nelle aree interne, ma non solo denaro, bensì quale riscoperta della loro dimensione produttiva». 
 

Ultimo aggiornamento: 12:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA