Pd, Richetti lascia Martina:
ha preferito il «re delle fritture»

di Carlo Porcaro

  • 18
A una settimana dalle primarie del 3 marzo nel Pd scoppia l'ormai consueto caso Campania, Salerno per la precisione. A destare scalpore ed un mare di polemiche è stata la nota vocale su whatsapp di Matteo Richetti in cui il senatore dem ha puntato il dito contro il candidato segretario Maurizio Martina per aver tolto spazio al suo gruppo nelle liste per l'Assemblea inserendo i renziani e nello specifico i nomi appaltati al governatore Vincenzo De Luca: «Martina può andare a cagare», ha detto Richetti sentenziando: «Per me la mozione è finita». Parole forti e sortita fragorosa come già accaduto in altra occasione in cui Richetti a Napoli criticò fortemente il suo leader Matteo Renzi. Insomma, ha una certa dimestichezza con i fuori-onda che tanto fuori-onda non sono.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 22 Febbraio 2019, 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP