Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Battiti di Campanile” al Barbuti festival:
attimi di comicità sui difetti umani

Giovedì 4 Agosto 2022
“Battiti di Campanile” al Barbuti festival: attimi di comicità sui difetti umani

Sabato 6 agosto, alle ore 21.15, in largo Santa Maria dei Barbuti, nel centro storico di Salerno, nell’ambito della 37esima edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti festival”, la compagnia “AmArte” presenta “Battiti di Campanile”, di Antonio Cianciulli, Aldo Flauto e Ciro Girardi. «Abbiamo deciso di portare in scena – spiega Antonio Cianciulli nelle note di regia - un autore poco rappresentato, almeno nel nostro territorio. Lo spettacolo è confezionato con la forma del contenitore ed è composto da diverse piece di Achille Campanile. Lo stile è comico, anzi per essere più precisi umoristico».

«Il teatro di Campanile è un teatro surreale -sottolinra Cianciulli- dove le varie situazioni che si vengono a creare sono esasperate da una ricerca del ridicolo e dell’esagerazione proprio per mettere a nudo certi comportamenti umani che se vengono trattati con leggerezza e disincanto diventano esilaranti. Le battute non provocano risate immediate, tipico della comicità, ma piuttosto una risata che ci porta alla riflessione, tipico dell’umorismo. Naturalmente i testi di Campanile vanno storicizzati, vale a dire collocati nel periodo storico in cui sono stati scritti. Possono tuttavia essere, in certi momenti, anche riconoscibile nei nostri tempi, proprio perché il vero protagonista dei testi di Campanile è l’essere umano con tutti i suoi pregi e difetti. Con Aldo Faluto e Ciro Girardi abbiamo creduto dal primo momento in questo progetto desiderosi di proporre un teatro diverso dal solito. Un teatro che diverte ma fa anche pensare. Un teatro dove è facile riconoscersi e magari ridere un po’ anche di sé stessi». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA