È in affidamento in prova,
trovato a spacciare crack e arrestato

Sabato 27 Giugno 2020 di Nicola Sorrentino
Era sottoposto all'affidamento in prova, con permanenza in casa dalle 8 alle 14, con il divieto di uscire di casa dietro disposizione del giudice di sorveglianza. Un obbligo che non aveva però rispettato, perchè i carabinieri lo hanno trovato in strada a spacciare crack. Per queste ragioni è stato arrestato un 28enne originario di Salerno, ma residente a Pagani, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A coordinare l'arresto il sostituto della Procura di Nocera Inferiore, Davide Palmieri. Il giovane era stato intercettato l'altro ieri da una pattuglia dei carabinieri, durante la cessione di due dosi di cocaina cotta con un acquirente. Alla vista dei militari, aveva cercato di disfarsi della droga senza riuscirci. Per il ragazzo sono scattati gli arresti domiciliari, dopo le formalità di rito. I carabinieri hanno eseguito anche una perquisizione personale e domiciliare nei confronti del sospetto, dopo aver rinvenuto i due bussolotti con dentro il crack. Questo, in ragione di una prima scoperta di droga che, per prassi, spinge gli inquirenti ad estendere poi i controlli anche presso la dimora del sospettato, in questo caso. In casa, però, non è stata trovata droga, con l'esito dei controlli risultato negativo. Sul conto del giovane ci sono diversi precedenti. Per lui, oltre all'accusa di spaccio, anche la violazione ulteriore di aver commesso reato mentre era sottoposto ad un provvedimento dell'autorità giudiziaria.  © RIPRODUZIONE RISERVATA