Covid, relazione tra sonno e stress da lockdown: chi sono stati i più resistenti

Mercoledì 26 Maggio 2021
Covid, relazione tra sonno e stress da lockdown: chi sono i più resistenti alla tensione

Durante il primo lockdown sonno e stress sono stati due fattori collegati nella risposta alle chiusure della pandemia. Secondo un'indagine, infatti, i tipi mattinieri sarebbero stati più resilienti e avrebbero sofferto meno lo stress durante l'isolamento rispetto ai nottambuli. La notizia arriva da uno studio pubblicato sulla rivista «Chronobiology International» e realizzato dal laboratorio Sonnolab dell'Università di Pisa e dall'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

 

Yoga sulla spiagga, è l'ultima tendenza dalla California: per ritrovare l'autostima esercizi anche in acqua

 

L'indagine è stata condotta attraverso un questionario on line al quale hanno risposto circa 1300 persone da 19 diverse regioni italiane. I ricercatori hanno impiegato scale di valutazione ben note in letteratura per misurare il cronotipo, la qualità del sonno e la resilienza. È risultato così i che i mattinieri, le cosiddette «allodole», sono stati più resilienti e hanno sviluppato meno reazioni da stress post-traumatico rispetto ai nottambuli o «gufi». Questo perché, secondo i ricercatori, chi va a letto presto e si sveglia presto ha goduto di una migliore qualità del sonno rispetto di chi va a letto tardi e si sveglia tardi.

«Bisogna prestare molta attenzione alla qualità del sonno e al ruolo del cronotipo nei meccanismi di adattamento a situazioni croniche stressanti, come quella legata alla pandemia - ha spiegato Andrea Bazzani primo autore dello studio, e medico perfezionando della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa - ll cronotipo, ovvero la preferenza individuale per i ritmi sonno-veglia, è infatti strettamente associato alla qualità del nostro sonno e mediamente i mattutini hanno un sonno qualitativamente migliore rispetto ai nottambuli». 

 

Le eroine del multitasking sull'orlo di una crisi di nervi

 

«Sarà utile condurre ulteriori studi in merito per approfondire, anche con tecniche di telemonitoring, la qualità del sonno e i ritmi circadiani della popolazione in studio - aggiunge il professore Ugo Faraguna dell'Università di Pisa - ma siamo fiduciosi che questi primi risultati possano incentivare l'impiego di strategie di promozione di una corretta igiene del sonno e interventi di cronobiologia che mitighino l'impatto di situazioni stressanti e croniche, come la pandemia, sulla salute delle persone».

Insieme a Faraguna e Bazzani hanno firmato il lavoro su rivista «Chronobiology International», per l'Università di Pisa Simone Bruno e Francy Cruz Sanabria dottorandi al Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia, Paolo Frumento, professore al Dipartimento di Scienze Politiche, e per la Scuola Superiore Sant'Anna il professore Giuseppe Turchetti.

Lavoro, effetto smart working: in calo infortuni in itinere

© RIPRODUZIONE RISERVATA