Moderna, come funziona il nuovo vaccino: seconda dose dopo 28 giorni, conservazione ed effetti collaterali

Lunedì 11 Gennaio 2021
Moderna, come funziona il vaccino: seconda dose dopo 28 giorni, conservazione ed effetti collaterali

Il vaccino Moderna arriva in Italia. Le prime prime 47mila dosi domani, 12 gennaio, saranno allo Spallanzani di Roma, da dove partirà la distribuzione alle Regioni. Le modalità di somministrazione del siero sono indicate in documento pubblicato sul sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), che contiene le principali informazioni sul secondo vaccino anti-Covid autorizzato in Europa.

LEGGI ANCHE Vaccino Moderna prima alle Regioni virtuose. Domani arrivano 47.000 dosi. Ipotesi di aprire a over 80 e prof

 

Seconda dose dopo 28 giorni

Da ogni flaconcino del vaccino di Moderna possono essere prelevate 10 dosi da 0,5 mL ciascuna. La somministrazione della seconda dose va fatta 28 giorni dopo la prima, a differenza del Pfizer, che richiede invece 21 giorni di distanza tra le due.

LEGGI ANCHE Vaccino Covid, cosa bisogna fare per essere vaccinati? La guida categoria per categoria: tutte le risposte

 

Come funziona 

Come quello di Pfizer, è un vaccino a mRna e viene inoculato sul muscolo deltoide ma diversa è l'età della popolazione a cui è somministrabile: quello di Pfizer è autorizzato per persone da 16 anni in su e quello di Moderna per gli over 18enni. Per entrambi i vaccini l'efficacia è pari a circa il 95% ma nel caso di Moderna «i soggetti potrebbero non essere completamente protetti fino a 14 giorni dopo aver ricevuto la seconda dose» del vaccino, mentre per il vaccino Pfizer la protezione parte una settimana dopo la seconda dose.

 

Come si conserva

Inoltre, diversamente da Pfizer, «non deve essere miscelato con altri medicinali né diluito» e può esser conservato per 7 mesi tra -25°C e -15°C o in frigorifero tra 2°C e 8°C per un massimo di 30 giorni (quello Pfizer necessita di -70 gradi).

 

Somministrazione in gravidanza

Per entrambi i vaccini studi su animali non mostrano effetti dannosi in gravidanza, ma mancano ancora dati sull'uomo, così come per i bambini. In entrambi i casi particolare cautela va rivolta a chi ha problemi di coagulazione del sangue, perché la puntura potrebbe provocare ematomi.

 

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali più comunemente (oltre un vaccinato su 10) segnalati durante lo studio che ha coinvolto 30.000 persone sono stati: dolore in sede di iniezione, stanchezza, cefalea, dolori muscolari o articolari, brividi, nausea o vomito, febbre. Ci sono stati rari casi (un vaccinato su 1000) di paralisi facciale monolaterale temporanea ed è stata segnalata anche anafilassi, per questo, come per altri vaccini «a seguito della vaccinazione si raccomanda un'attenta osservazione per almeno 15 minuti». Come per Pfizer, «le reazioni avverse sono state normalmente di intensità lieve o moderata e si sono risolte entro pochi giorni», inoltre si sono verificate «più frequentemente dopo la Dose 2».

 

Intercambiabilità

Infine, non ci sono dati sull'intercambiabilità con altri vaccini. «I soggetti che hanno ricevuto la prima dose di Covid-19 Vaccine Moderna - si legge - devono ricevere la seconda dose di Covid-19 Vaccine Moderna per completare il ciclo».

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA