Omicron, Pfizer: «A marzo pronto vaccino contro la variante». Ema valuta il farmaco orale anti-Covid Paxlovid

L'agenzia europea del farmaco prenderà una decisione nelle prossime settimane

Omicron, Pfizer: «A marzo pronto vaccino contro la variante». Ema valuta il farmaco orale anti-Covid Paxlovid
Lunedì 10 Gennaio 2022, 15:38 - Ultimo agg. 11 Gennaio, 00:20
3 Minuti di Lettura

L'Ema sta valutando la domanda di autorizzazione per l'antivirale Paxlovid, il farmaco di Pfizer, per il trattamento di Covid-19 in adulti e adolescenti. Lo annuncia la stessa agenzia europea per il farmaco. Il responso dovrebbe arrivare nel giro di settimane. E intanto, l'ad di Pfizer Albert Bourla ha annunciato che il vaccino contro Omicron sarà pronto a marzo e l'azienda ha già iniziato a produrre le dosi. Bourla ha spiegato in un'intervista alla Cnbc che il vaccino sarà efficace anche contro le altre varianti del Covid che stanno circolando.

Lazio, prime pillole anti Covid somministrate allo Spallanzani: le pazienti sono due donne

 

Il vaccino anti-Omicron

«La speranza è che otterremo qualcosa che darà una protezione migliore, in particolare contro le infezioni, perchè la protezione contro i ricoveri e la malattia grave è già ragionevole con gli attuali vaccini, se ci si protegge con la terza dose», ha detto Bourla. Secondo uno studio della Health Security Agency del Regno Unito, i vaccini di Pfizer e Moderna sono efficaci solo al 10% nel prevenire infezioni sintomatiche da omicron a 20 settimane dalla seconda dose. Le prime due dosi, comunque, continuano a fornire una buona protezione contro una malattia grave. Secondo lo studio, attualmente la dose di richiamo protegge dalle infezioni sintomatiche fino al 75%. A dicembre, il massimo consigliere medico della Casa Bianca, Anthony Fauci, ha detto che non c'è bisogno di una terza dose specifica contro Omicron, perchè la dose di richiamo degli attuali vaccini è sufficiente contro la variante.

Come funziona il nuovo farmaco

Paxlovid è un medicinale antivirale orale che «riduce la capacità di SARS-CoV-2 (il virus che causa COVID-19) di moltiplicarsi nell'organismo», spiega una nota di Ema. La domanda presentata da Pfizer è per il trattamento di COVID‑19 da lieve a moderato in pazienti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni con un peso di almeno 40 kg) ad alto rischio di progressione verso il COVID‑19 grave. L'Ema, prosegue la nota, «valuterà i benefici e i rischi di Paxlovid in tempi ridotti e potrebbe emettere un parere entro poche settimane, a seconda se i dati presentati siano sufficientemente solidi o se siano necessarie ulteriori informazioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA