Ricciardi: «Oggi chi ha due dosi non è vaccinato contro il Covid»

Covid, Riccardi: «Oggi chi ha due dosi non è vaccinato»
Covid, Riccardi: «Oggi chi ha due dosi non è vaccinato»
Lunedì 4 Aprile 2022, 16:25 - Ultimo agg. 16:37
3 Minuti di Lettura

«Questa vaccinazione è fatta con 3 dosi. Una persona che oggi ha 2 dosi non è praticamente vaccinata».  Walter Ricciardi, docente di Igiene all'università Cattolica e consulente del ministro della Salute, è stato ospite della trasmissione "Agorà" in onda su Rai 3. Ricciardi ha affrontato il tema del vaccino e della situazione legata alla variante Omicron Xe: «Il virus contagia anche i vaccinati, in particolare chi non ha fatto il booster. Questa vaccinazione è fatta con 3 dosi. Una persona che oggi ha 2 dosi non è praticamente vaccinata». Ricciardi ha poi detto: «Questa malattia non dà un'immunità permanente, anche un soggetto guarito può reinfettarsi. Fino al 4% delle persone si reinfetta e cominciano ad esserci soggetti che si reinfettano più di due volte. Ci dobbiamo preparare mentalmente a una battaglia di lunga durata che non finisce con l'emergenza giuridica: vaccinazioni, green pass, mascherine e comportamenti saggi vanno tenuti».

Vaccino "Pan-Covid", il francese LinkinVax sarà efficace contro tutte le varianti: sperimentazioni al via dal 2023

Omicron 2, tamponi di massa a Shanghai: task force per il test a 26 milioni di abitanti. Tolleranza zero contro le infezioni

Covid, la variante Omicron Xe

«La nuova variante Omicron Xe sembra più contagiosa» sottolinea dunque Ricciardi, confermando l'importanza della vaccinazione e del suo ciclo completo. Secondo il consulente del ministro della Salute, i contagi si diffondono in particolare nelle fasce caratterizzate da una copertura vaccinale ridotta: «La vaccinazione pediatrica è stato un fallimento, non ha raggiunto neanche il 38% - ricorda Ricciardi - Lo spiego con la diffidenza dei genitori che temono più il vaccino della malattia, senza rendersi conto che la malattia è insidiosa: si sa come comincia ma non si sa come finisce, nel 10% dei bambini si ha il Long Covid con una lunga situazione di spossatezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA