La Madernassa, il casertano Giuseppe D’Errico è il nuovo executive chef del ristorante due stelle Michelin

Giovedì 20 Gennaio 2022
La Madernassa, il casertano Giuseppe D’Errico è il nuovo executive chef del ristorante due stelle Michelin

La Madernassa Ristorante & Resort scalda i motori e si prepara ad una nuova e sorprendente stagione 2022 ricca di cambiamenti e novità.

Al timone della cucina del celebre Ristorante & Resort due stelle Michelin è arrivato l’executive chef Giuseppe D’Errico, originario di Succivo, affiancato da una straordinaria brigata che nei prossimi mesi sarà tutta da scoprire.

Il Ristorante & Resort dopo essere stato recentemente riconosciuto tra i migliori top 30 ristoranti del pianeta secondo la we are smart green guide, si prepara così ad affrontare un’entusiasmante stagione 2022 all’insegna dell’eccellenza e della sostenibilità.

Video

«Siamo orgogliosi di comunicare l’arrivo dell’executive chef Giuseppe D’Errico presso la nostra struttura, un talento giovane e di rara sensibilità artistica ed umana – dichiarano all’unisono Ivan Delpiano, Fabrizio e Luciana Ventura. – Siamo fortemente convinti che la sua filosofia di cucina saprà interpretare al meglio l’essenza del nostro Resort che è l’espressione radicata del nostro essere autentici, con l’intento di smuovere le corde più profonde dell’anima. Continueremo a lavorare sodo, ogni giorno, con l’amore e la dedizione incondizionata che ci contraddistingue, con la volontà di continuare ad offrire ai nostri ospiti un’accoglienza sempre più unica e di autentica bellezza, un’esperienza totalizzante a contatto con la natura, che è sinonimo di benessere, equilibrio e rigenerazione tra l’armonia, i suoni e i colori dell’ambiente circostante. L’executive chef Giuseppe D’Errico interpreterà con sapienza e tecnica la visione d’intenti che ci accomuna. In questa sempre più grande avventura tra innovazione e futuro ci sosterrà un’appassionata brigata, un team di giovani talenti che farà esplodere la continua voglia di crescere e migliorarsi, senza mai dimenticare il legame indissolubile con la terra dove il Resort da quasi vent’anni affonda le sue salde radici».

LEGGI ANCHE Ultimo saluto a Mario Volpe, chef 27enne morto dopo un incidente

«Sono onorato ed entusiasta di intraprendere questo nuovo percorso alla Madernassa – dichiara l’executive chef Giuseppe D’Errico – dove il cuore pulsante sarà una cucina consapevole che mette al centro l’uomo chiave della sostenibilità. Un Uomo contemporaneo che deve essere esso stesso sostenibile. Il progetto condiviso insieme alla proprietà indaga attraverso lo sguardo del senso e del cuore, temi di ecologia etico-gastronomica, dove è necessario costruire un nuovo rapporto fra le parti coinvolte, attraverso nuove preparazioni gastronomiche dove sostenibile è comprendere le conseguenze che possono derivare dalle scelte compiute. È comprendere come queste scelte si interfacciano con la sfera economica, come impattano sull’ ambientale e quali sono le condizioni sociali dei soggetti coinvolti nell’intera filiera. L’intento è offrire un concetto di gusto sensoriale che mette in risalto la dualità mente/corpo, non tanto per rovesciare la gerarchia quanto per proporne un pensiero del supplemento, eliminando ogni idea di separazione».

Sulla sua filosofia di cucina lo chef aggiunge: «La mia cucina è percezione, non solo immediatezza dell’attimo in cui la bocca distrugge ciò che viene ingerito. È percezione d'insieme del sentire. È universo difficile, non estraneo al suo tempo e al suo spazio. Fantasia, passione, esperienza, questi sono gli ingredienti semplici, intimi ed emozionali della mia cucina, dove il sentire la materia prima ha uno spazio percettivo nel gusto come senso più esteso, diffuso e sinestetico. Il cibo è strumento quotidiano, mezzo invasivo e pervasivo con specifiche funzioni energetiche e nutritive ma che, come tale, possiede contenuti che superano le funzioni stesse».

Lo Chef Giuseppe D’Errico e parte del team sono già all’opera per preparare l’apertura: «Alcuni di noi non si sono mai fermati per dedicarsi a tutto quanto può rallentare ma non si può mai fermare. Parliamo per esempio dell’orto dove chi da tempo se ne prende cura, ha progettato la nuova stagione in relazione alle necessità della rotazione colturale e iniziato a preparare il terreno per le future semine. Mani esperte sono state indispensabili anche per le potature della vigna e del frutteto, ma anche per curare il giardino delle aromatiche e l’area boschiva per fare in modo che possano sempre regalare frutti, aromi, erbe spontanee e radici, fonti inesauribili per la nostra cucina che punta sulla natura per creare quell’’unicità esperienziale inconfondibile da far vivere agli ospiti del Resort».

Nei prossimi giorni con lo Chef si prepareranno le basi per far ripartire il semenzaio, avere i primi vegetali pronti e le piante da mettere a dimora in primavera in linea con le sue esigenze di cucinare sempre materie prime di qualità eccelsa nel rispetto delle stagioni e della natura.

«Una cosa è certa – proseguono Fabrizio Ventura e Ivan Delpiano- investiremo molto, come è da sempre nel nostro dna, per sostenere e dare risalto a chi si riconosce in questo percorso progettuale, sentendosi parte importante di un team e non solo di un gruppo di lavoro. Il valore individuale di ciascuno è una risorsa preziosa e ciascuno deve avere il suo giusto spazio. Presto sarà il momento di dare voce al nostro direttore di sala, al maitre, al sommelier e a tutti coloro che saranno sempre pronti ad accogliere gli ospiti per accompagnarli alla scoperta di quanto il resort può offrire e a chi con professionalità saprà contribuire a trasformare l’esperienza di gusto totalizzante in un’autentica opera d’arte».

Il 2022 segnerà una nuova importante evoluzione per La Madernassa Ristorante & Resort «Ci eravamo ripromessi di alzare ulteriormente l’asticella rispetto agli anni precedenti e lo stiamo facendo individuando importanti figure professionali per i ruoli di Chef de cuisine, pastry Chef e sous Chef, che saranno complementari e in perfetta sintonia con l’executive Chef Giuseppe D’Errico».

Le porte del Ristorante si apriranno agli ospiti a fine marzo, dopo aver completato la riorganizzare degli spazi in cucina, gli interventi che riguarderanno le sale che accolgono gli ospiti e la terrazza che si affaccia sulle Langhe e il Monviso, tutto per rendere l’atmosfera sempre più accogliente e a misura di chi ama il buon vivere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA