Medico si fa il selfie: «Pandemia grave». Ma sui social Trump e i negazionisti accusano: «Ospedale vuoto, il virus non esiste»

Mercoledì 2 Dicembre 2020 di Michele Galvani
Medico si fa il selfie: «Pandemia grave». Ma sui social Trump e i negazionisti accusano: «Ospedale vuoto, il virus non esiste»

Si scatta un selfie nel tentativo di dimostrare la gravità della pandemia Covid, ma il medico viene coperto di insulti e attacchi sui social: «Il virus non esiste». La foto è stata scattata in un ospedale in Nevada: il Renown Regional Medical Center è stato l'obiettivo principale di rinnovate teorie del complotto online che suggeriscono che gli ospedali siano vuoti e il coronavirus non è pericoloso come affermano i migliori esperti medici.

L'ospedale ha aperto un sito di assistenza alternativa con due piani di letti ospedalieri supplementari all'interno di una struttura di parcheggio il 12 novembre per accogliere i tanti pazienti Covid. Un selfie del dottor Jacob Keeperman, che lavora per il centro medico, lo mostra in piedi di fronte a letti d'ospedale vuoti nella struttura. La foto è stata scattata il giorno in cui il sito è stato aperto, prima che i pazienti iniziassero ad arrivare. «La pandemia è una cosa grave», ha fatto sapere il medico. Ma alcuni negazionisti sui social stanno sfruttando da giorni lo scatto per affermare che «la pandemia è esagerata o è una bufala».

Donald Trump addirittura ha amplificato la falsa affermazione, ritwittando la foto ai suoi 80 milioni di follower. «Risultati elettorali falsi anche in Nevada!» scrisse. Secondo Renown, la struttura ha attualmente 42 pazienti e ne ha curati 198 da quando è stata aperta il mese scorso. Il sito, allestito per pazienti che non necessitano di cure a lungo termine, può ospitare più di 1.400 pazienti.

Covid, Carlo e il diario sul ricovero: «La febbre e la paura: immunità di gregge? Magari ritroviamo l'umanità di gregge»

L'account Twitter @Networkinvegas, ha ripetutamente criticato il governatore del Nevada per le sue restrizioni sul coronavirus, è sotto accusa. Lo stesso social mette in guardia chi lo "frequenta". «Ecco la falsa foto dell'ospedale del garage del Nevada che il nostro governatore idiota ha twittato, dimostrando che è tutta una truffa», ha twittato l'account. «Nessun paziente, letti ribaltati, attrezzature mai utilizzate! Hanno speso milioni per questa truffa e non hanno mai visto un solo paziente in questo falso ospedale!», si legge.

Keeperman, direttore medico del Centro operativo e di trasferimento di Renown, ha condiviso la sua foto su Twitter nella speranza di trasmettere la gravità della situazione in ospedale. Ma il suo tweet è stato rapidamente stravolto. «È davvero demoralizzante per tutti coloro che lavorano così duramente vedere tutto questo - ha detto - Tengo le mani dei pazienti quando fanno l'ultimo respiro perché i loro cari non possono stare con loro». Il Nevada Hospital ha riferito di un record di 1.589 pazienti ricoverati in ospedale con casi confermati o sospetti di Covid martedì. A causa delle esigenze concorrenti, compresa l'influenza, il 78% dei quasi 6.900 posti letto ospedalieri dello stato sono occupati.

L'immagine iconica dell'amore dell'Italia migliore che resiste commuove il web

Nel nord del Nevada, gli ospedali hanno registrato un aumento di oltre il 250% dei ricoveri confermati nell'ultimo mese. Il governatore del Nevada Steve Sisolak ha risposto al fuoco contro Trump, dicendo che lo Stato ha dovuto fare i conti con i suoi continui tentativi di politicizzare il coronavirus, che ha ucciso più di 270.000 americani.  I funzionari dell'ospedale hanno risposto spiegando che la mancanza di persone nelle aree pubbliche riflette le nuove procedure per proteggere i pazienti e il personale limitando i visitatori e riducendo al minimo gli spazi di attesa condivisi.

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA