Variante Delta, Zangrillo: «Nonostante le folli riaperture, in Gran Bretagna da 5 giorni crollano i contagi»

Lunedì 26 Luglio 2021
Variante Delta, Zangrillo: «Nonostante le folli riaperture, in Gran Bretagna da 5 giorni crollano i contagi»

«Nonostante le folli riaperture del Primo Ministro Boris Johnson, per il quinto giorno consecutivo crollo dei contagi Covid in Gran Bretagna». A mettere l'accento sul dato che arriva da Oltremanica è Alberto Zangrillo, direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva dell'Irccs ospedale San Raffaele di Milano e prorettore all'università Vita-Salute, che guarda all'andamento della curva nel Regno Unito, che sembrerebbe frenare (ieri i contagi da Sars-CoV-2 sono stati 29.173, erano sopra quota 54mila il 17 luglio), e lo commenta positivamente in un tweet, pur con un ma.

Contagi crollati, le accuse di Zangrillo

 

Per lo specialista questa «buona notizia» in Italia non è stata adeguatamente portata alla ribalta delle cronache: «Per conoscere la notizia dobbiamo leggere The Times. Alla stampa italiana le buone notizie non interessano», ammonisce, postando la prima pagina del giornale britannico, in cui l'apertura parla proprio di crollo dei casi Covid ed effetto vaccini.

Nei giorni scorsi lo stesso Zangrillo aveva definito il virus «clinicamente morto», sollevando diverse polemiche. «Il mio compito di clinico è interpretare la realtà - aveva detto - . Il 31 maggio 2020 dissi che il virus era clinicamente inesistente, perché nel mio ospedale da un mese non entrava un paziente da ricoverare per Covid. Oggi ripeterei esattamente la stessa cosa, perché nell'ultima settimana sono arrivati 11 contagiati di cui 8 rimandati a casa e 3 ricoverati per motivi non gravi». Il primario quindi, aveva parlato di un «virus clinicamente morto» almeno nei reparti.

«Il virus è clinicamente morto, spaventare non è educativo e basta allarmismi»: così Zangrillo ci riprova

Variante Delta, l'Oms: «Tragica nuova ondata, sciocco pensare che sia finita. I vaccini? Non usati bene»

Vaccino Pfizer, più anticorpi con intervallo di «8 settimane tra prima e seconda dose»: la ricerca di Oxford

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA