L'ira di Renzi: deluso da Napoli
il partito verrà commissariato

Martedì 7 Giugno 2016
L'ira di Renzi: deluso da Napoli il partito verrà commissariato

La rivoluzione arriva in diretta tv. «A Napoli ci sarà una soluzione commissariale molto forte», annuncia Matteo Renzi in conferenza stampa. Il segretario appare quasi rassegnato di fronte al disastro. «A Napoli c'è il risultato peggiore del Pd, fare di peggio era difficile», ammette. I numeri sono impietosi: l'11,6 inchioda il partito al fallimento. Che la situazione fosse difficile, se non disperata, si sapeva e se n'era avuta la conferma venerdì scorso quando Renzi venne a Napoli per sostenere Valeria Valente. In una sala piena, ma riempita da molti militanti arrivati dalla provincia, il premier aveva esortato il popolo del Pd alla mobilitazione finale, consapevole che senza il traino del partito il ballottaggio si sarebbe rivelato un obiettivo impossibile. Ebbene, il partito non ha tirato, semmai è crollato. Eppure sarebbe bastato replicare il 16,5 del 2011 per superare Gianni Lettieri e approdare al secondo turno. Invece, la zampata non c'è stata, Napoli ha punito severamente il Pd. L'altra notte il Nazareno si è illuso che il quadro potesse improvvisamente mutare al punto che il vicesegretario Lorenzo Guerini aveva parlato di «ballottaggio possibile». L'andamento dello spoglio però non ha lasciato scampo e quando la sconfitta, da incubo, è diventata realtà Renzi ha capito che la misura fosse colma.

«Basta, adesso si cambia», è sbottato e ieri in conferenza stampa ha dato al caso Napoli la priorità assoluta. «Il risultato peggiore del Pd è a Napoli, è un risultato che riguarda la città di Napoli dove da anni il Pd non riesce a esprimersi al meglio. Napoli è una città meravigliosa ma è un baco per il Pd», riferisce con toni decisi ai giornalisti. Un commissariamento «molto forte» è per il segretario l'unica strada per tirare fuori il partito dal pantano, per ripulirlo dalle gelosie interne, per liberarlo dal giogo di un correntismo esasperato. Il Pd esce umiliato dalle elezioni, per la seconda volta consecutiva si ritrova fuori dal ballottaggio. «Condivido con Renzi la necessità del commissariamento, Napoli deve ritrovare un Pd all'altezza del suo compito», fa sapere a tempo di record Valeria Valente che i primi avversari li ha dovuti affrontare all'interno del partito, prima e dopo le primarie. «Ci vuole una persona che rifondi il Pd, esiste un problema che si chiama Napoli», aggiunge la deputata che prova a indicare un punto di rifondazione «nei giovani segretari di circolo, nelle giovani energie che ho incontrato in queste settimane». Giovani energie mortificate dalle lotte di potere tra i capibastone. La scelta del commissario, dice Renzi, sarà proposta alla direzione nazionale che si terrà dopo i ballottaggi del 19 giugno. Entro fine mese, al massimo a inizio luglio, il Nazareno avvierà la rivoluzione napoletana. Venanzio Carpentieri, il segretario provinciale destinato a essere sostituito dal commissario, appare tranquillo.

«Sono d'accordo con Renzi - dice - che a Napoli serva una soluzione specifica». Ieri Carpentieri, prima che Renzi andasse in conferenza stampa, ha avuto un confronto con il Nazareno sul voto di Napoli mettendosi a disposizione del partito perchè «non faccio il segretario a tutti i costi, io non sono mai stato legato alle poltrone». «Mi riservo ogni decisione all'indomani dei ballottaggi», fa sapere Carpentieri che nell'ora del tracollo si lascia andare a uno sfogo che meglio di tante parole dipinge lo stato del Pd a Napoli. «Teoricamente - dice - ho avuto una segreteria unitaria. Ma questa unità non sempre si è manifestata nelle scelte, spesso qualcuno agendo per sé o in rappresentanza di una certa area ha assunto posizioni eterodosse a mio avviso inspiegabili». È la sincera, ma forse tardiva, spiegazione delle ragioni del fallimento: il Pd, a Napoli, è ostaggio di capi e capetti. L'11,6 è uno schiaffo che richiede «una soluzione commissariale molto forte». Renzi è pronto a fare piazza pulita.

p.mai.

Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche