Addio a Inge Borkh, leggendario soprano drammatico: aveva 97 anni

La cantante lirica tedesca Inge Borkh, leggendario soprano drammatico, è morta ieri a Stoccarda all'età di 97 anni. Nata a Mannheim il 26 maggio 1921, Borkh studiò a Firenze, Milano e Salisburgo, debuttando a Lucerna nel 1940. Da allora si affermò internazionalmente, ammirata soprattutto nell'interpretazione di opere di Wagner e Strauss. Nel 1951 la sua interpretazione di Magda Sorel nella prima del «Console» di Gian Carlo Menotti a Basilea le valse scritture al Teatro dell'Opera di Monaco di Baviera («Salome», «L'olandese volante») e poi di Berlino («Tosca», «Mona Lisa», «Elektra»).

Nel 1952 Borkh debuttò al festival wagneriano di Bayreuth. Da allora ha cantato nei principali teatri internazionali, come Vienna, Londra, New York e San Francisco. Inge Borkh si mise in luce per i principali ruoli operistici drammatici in Aida e Macbeth (Verdi); Tosca e Turandot (Puccini); Fidelio (Beethoven); Medea (Cherubini); Elsa, Sieglinde e Senta (Wagner); Elena (Richard Strauss); Euryanthe (Weber); Antigone (Carl Orff). Tra i suoli di grande temperamento Elektra, Salomè, Antigone e Ifigenia. Fu sposata con il basso-baritono iugoslavo Alexander Welitsch (1906-1991).
Lunedì 27 Agosto 2018, 14:44 - Ultimo aggiornamento: 27-08-2018 14:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP