«Paesi che vai...», lo storico programma su Rai 1 arriva a Pompei ed Ercolano

Il programma domenica 4 dicembre dalle 9.40 alle 10.30

«Paesi che vai...», lo storico programma su Rai 1 arriva a Pompei ed Ercolano
Giovedì 1 Dicembre 2022, 17:01
3 Minuti di Lettura

“Paesi che vai… luoghi, detti, comuni…”, lo storico programma di Rai Uno, ideato, scritto e condotto da Livio Leonardi, patrocinato dal MiC (Ministero della Cultura), andrà in onda domenica 4 dicembre mattina dalle 9.40 alle 10.30, da Ercolano e Pompei.

Livio Leonardi, partendo dalla Reggia di Portici, voluta da Re Carlo di Borbone, condurrà il suo pubblico alla scoperta dell’antica città di Ercolano. Lo farà seguendo le tracce non solo di coloro che lì, vissero fino al 79 d. C., ma anche di chi, molti secoli dopo, la ritrovò.

Col consueto linguaggio fiabesco, che da sempre contraddistingue il noto programma di Rai Uno, e quella capacità di far rivivere il passato nel racconto televisivo, Livio Leonardi – insignito proprio per questi motivi di importanti riconoscimenti quali la Medaglia d’Oro della Società Dante Alighieri per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo – immergerà il proprio racconto nelle dimore dei secoli antichi e nelle residenze nobiliari che sorsero lungo il “Miglio d’Oro”.

Da Villa Campolieto, dove il Re Borbone accoglierà, insieme alla sua corte, il conduttore, il racconto proseguirà nel Teatro antico di Ercolano, il primo luogo della città ad essere riscoperto. Le telecamere si sposteranno nel Pontificio Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei, in piazza Bartolo Longo con l’intervista al Sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio, per poi entrare nel Parco Archeologico di Ercolano, per svelare la vita gli usi e i costumi degli abitanti.

Ma non è finita qui… sempre con Livio Leonardi andremo alla scoperta di location che hanno fatto da sfondo a celebri pellicole cinematografiche.

E infine “Paesi che vai” si immergerà nelle bellezze di un Parco nazionale nato per proteggere la ricchezza naturalistica e geologica del Vesuvio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA