Juventus, Allegri: «Ci tenevamo a vincere, dai giovani ottima prova»

Sabato 13 Aprile 2019
Perdere, soprattutto quando si è abituati a vincere molto, dispiace sempre. Massimiliano Allegri, però, archivia senza troppe amarezze la sconfitta con la Spal. «Si tratta della prima volta - ha detto - in cui andiamo in vantaggio e ci facciamo rimontare perdendo la partita. È successo poiché abbiamo subito due reti evitabili: nella prima il nostro giocatore ha subito un blocco da parte degli avversari e non è potuto intervenire, sulla seconda invece eravamo noi in possesso palla, ma non siamo riusciti a sventare la minaccia subendo la fisicità avversaria». Il tecnico bianconero, però, è soddisfatto, soprattutto della prova dei tanti giovani schierati. «I ragazzi hanno fatto quello che io avevo chiesto. Abbiamo disputato un primo tempo attento, e nella ripresa non siamo stati bravi a concretizzare le occasioni avute. Gozzi ha fatto una bella partita, Kastanos ha fatto un pò di fatica, mentre Mavididi e Nicolussi molto bene a partita in corso. Ho tolto Kean perché aveva speso tanto, è l'unica punta oltre a Mandzukic, averlo in queste condizioni è importante».

L'unica amarezza, per Allegri, è l'accusa di aver falsato il campionato schierando una formazione largamente rimaneggiata. «Non abbiamo falsato nulla - replica - il nostro percorso in questa stagione lo dimostra. Quella che ho schierato oggi a Ferrara, è la miglior formazione in questo momento, gli altri in questa occasione avrebbero fatto peggio. Non va dimenticato che abbiamo giocato da pochi giorni, e viaggiato, allenandoci non al meglio. Chi sostiene questo tipo di tesi, probabilmente non ha un'idea delle energie fisiche e soprattutto mentali spese in queste gare ravvicinate». Per la formazione di martedì ci sono invece molte incognite. «Matuidi ci sarà - ha detto - Chiellini e Douglas Costa vedremo domani. La situazione di Emre Can è migliorata. Tutto verrà deciso tra domani e dopodomani».

Molto soddisfatto, anche se mantiene la consueta sobrietà Leonardo Semplici: «Abbiamo disputato una grande prestazione, e vinto con merito. Abbiamo iniziato troppo intimoriti, poi siamo cresciuti soprattutto nella ripresa». Cosa ha detto ai suoi ragazzi nell'intervallo per farli rientrare trasformati? « Mi sono arrabbiato, ho alzato la voce, spiegando che se dobbiamo perdere, almeno prima giochiamocela. Nella ripresa infatti, ho visto più determinazione e più qualità nel possesso palla, riuscendo così a conquistare tre punti di fondamentale importanza per noi».
Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 10:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA