Juve Stabia, Padalino e Ghinassi
fanno il punto della situazione

Venerdì 11 Settembre 2020 di Gaetano D'Onofrio
Il mercato prima di tutto, i dubbi e le speranze alla vigilia dell’inizio della nuova stagione che, il prossimo 23 settembre opporrà, al Romeo Menti, la Juve Stabia al Tritium, squadra lombarda di serie D. Il tecnico, Pasquale Padalino, ed il diesse Filippo Ghinassi fanno il punto della situazione per la squadra gialloblù:

«C’è ancora tanto da fare – spiega il dirigente -, ma è innegabile che siamo in una situazione davvero particolare ed unica nel suo genere. Tra retrocessione, cambio in panchina, cambio di dirigenza, e tanti calciatori ormai fuori budget come contratto non era facile, siamo riusciti a concretizzare quanto possibile fino ad ora. Dovevamo abbassare il monte ingaggi, allargare il range del budget per poterci muovere, nelle prossime settimane, col mercato verso la chiusura, anche le pretese di molti caleranno, e potremo arrivare ad obiettivi già fissati. Chi resta dello scorso anno? Al momento abbiamo Forte in uscita, ma lo sappiamo tutti, poi Troest e Tonucci che non rientrano, per contratti in essere nel nostro equilibrio. Sono calciatori validissimi, e se riusciremo a trovare un’intesa diversa, non è detto che debbano partire per forza».

Padalino, dal canto suo, sembra soddisfatto di queste due settimane di lavoro, con la speranza di poter avere a disposizione quanto prima la squadra con cui si cimenterà nel prossimo torneo di C1: «Abbiamo lavorato bene, con tutti si è creato subito un ottimo feeling, ma è innegabile che dobbiamo completare la squadra, e capire con quali uomini cimentarci con la prossima stagione. Il Tritium? Non temo ovviamente l’esordio, al di la’ del valore dell’avversario, sappiamo che nel calcio nulla è impossibile. Per ora sono concentrato sul lavoro col gruppo». © RIPRODUZIONE RISERVATA