Cavallaro elogia la sua Nocerina:
«La vittoria ci fa ritrovare fiducia»

Giovedì 10 Giugno 2021 di Giuliano Pisciotta
Cavallaro elogia la sua Nocerina: «La vittoria ci fa ritrovare fiducia»

«Questa vittoria ci permette di restare ancora nei playoff ed è importante perché ottenuta contro una squadra forte e organizzata come il Latina».

Giovanni Cavallaro spende parole d’elogio per la prestazione della Nocerina contro i nerazzurri pontini. Il 4-0 finale non ammette repliche, restituendo anche piena fiducia relativamente alla qualificazione alla post-season.

«Comunque ci manca ancora un piccolo step per raggiungere quell’obiettivo che ci eravamo posti dall’inizio. Giocare contro avversari di grande caratura ti fa alzare in automatico l’asticella dell’attenzione. Per noi era una sorta di ultima spiaggia in chiave playoff e l’abbiamo affrontato col giusto atteggiamento. Quello che ci è mancato contro l’Afragolese, seppur con qualche attenuante relativa al campo, alla disposizione tattica dell’avversario e alle condizioni non ottimali di alcuni nostri calciatori. Sono contento - aggiunge Cavallaro - per come siamo stati equilibrati anche in fase difensiva e quando perdevamo palla».

L’ultimo turno di stagione regolare per la Nocerina prevede la gara esterna con la Vis Artena. All’andata i rossoverdi espugnarono il Novi col punteggio di 2-1. Quella di domenica sarà ovviamente gara dalle differenti motivazioni, con la Vis reduce da ben sei sconfitte di fila e da due mesi di digiuno da vittorie.

Per i molossi la considerazione che, in caso di vittoria, si chiuderebbe al quarto posto la regular season, con la prospettiva di giocare in trasferta un acceso derby playoff contro il Savoia.

«La Vis Artena non ci stenderà certo il tappeto rosso per regalarci la vittoria - ha puntualizzato Cavallaro -. Sarà una partita combattuta e di qualità e vedremo alla fine quale sarà il verdetto del campo. La vittoria con il Latina ci dà fiducia, soprattutto dopo gli oltre due mesi senza vittorie, in cui abbiamo sofferto le numerose assenze a cui abbiamo dovuto far fronte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA