Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cavese, cambio della guardia:
Lamberti è il nuovo presidente

Mercoledì 3 Agosto 2022 di Giuliano Pisciotta
Cavese, cambio della guardia: Lamberti è il nuovo presidente

Alessandro Lamberti è ufficialmente il nuovo presidente della Cavese. Il 40enne avvocato di Cava de' Tirreni presiede diverse società con sede a Milano, ma non ha mai interrotto i legami con la sua città d'origine. «Per me la Cavese è una questione di famiglia», ha detto questo pomeriggio in conferenza stampa. Nipote del giudice Alfonso Lamberti, la sua famiglia è stata protagonista delle sorti degli aquilotti negli anni '70 del secolo scorso.

Il suo predecessore Massimiliano Santoriello ha sottolineato che l'improvvisa cessione della società non minerà la continuità aziendale del club, così come quella tecnica e gestionale. «Se ho rilevato la Cavese - ha sottolineato Alessandro Lamberti - non è certo per distruggere ciò che è stato creato finora. L'obiettivo è quello di ritrovare il calcio professionistico è per farlo gli ingredienti giusti sono il lavoro, la serietà e la massima tutela delle componenti tecniche. Perché solo facendo sentire tranquilli i calciatori si può permettere loro di fornire la massima performance».

Il nuovo organigramma comprende il prof. Alfredo Lamberti, papà del nuovo massimo dirigente biancoblu, nel ruolo di presidente onorario. I vicepresidenti saranno Marco Nagar e Angelo Piscitelli. Alessandro Lamberti ha già incontrato la squadra, rassicurando tutti sulla continuità tecnica del progetto portato finora avanti da Massimiliano Lamberti. Scelte condivise nell'ultimo mese, periodo in cui s'è sviluppata e concretizzata la trattativa.

«Nessuno gareggia per arrivare secondo. Siamo qua per migliorare quanto è stato fatto nella scorsa stagione e quindi stiamo pianificando in maniera seria l'annata in modo da poter concorrere all'obiettivo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA