Mertens, l'età non è un problema:
«Mi sento ancora molto giovane»

Sabato 14 Novembre 2020
Mertens, l'età non è un problema: «Mi sento ancora molto giovane»

«Giocare a Lovanio è speciale per me, ho appena comprato una casa a 500 metri dallo stadio, questa resta la mia città». Così Dries Mertens parla ai media in Belgio prima della gara contro l'Inghilterra in Nations League. «È un momento particolare ma provo a non farmi condizionare: mi godo i momenti in famiglia e di relax, anche se forse vado meno al ristorante. Ma è un peccato che non possano esserci tifosi allo stadio con noi, avrei potuto far riempire lo stadio solo con quelli che conosco io. Molti parenti e amici sono dispiaciuti di non poter venire a vedermi. Sono a Napoli da otto anni ormai, a volte sono venuti a trovarmi anche lì ma qui sarebbe stato diverso».

LEGGI ANCHE Koulibaly torna nei pensieri di Klopp: il Liverpool senza mezza difesa

«L’età non è un problema, mi sento ancora molto giovane, ma amichevoli come quella con la Svizzera aiutano la nazionale e i più giovani che giocano meno» ha continuato l'attaccante del Napoli. «Con Martinez ho giocato molto e imparato altrettanto: si preoccupa di tutti noi e del futuro di questa squadra, pensa a oggi e a domani. Speriamo di poter festeggiare domenica la sua cinquantesima panchina con una vittoria importante» ha concluso il belga prima di un siparietto molto divertente con un giornalista belga. 

Ultimo aggiornamento: 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA