Cybercrime, basta attacchi sui dispositivi medici: la guida per proteggere i pazienti

Segui Il Mattino Tech su Facebook, clicca qui!






ROMA - Dispositivi e apparecchi medici sono entrati ormai nel mirino degli hacker ma da oggi combattere gli attacchi del cybercrime è possibile.



L'intento è di potenziare la sicurezza di dispositivi medici per proteggere al meglio la salute e i dati dei pazienti da cyberattacchi: è questo l'obiettivo delle raccomandazioni stilate dalla Food and drug administration (Fda), l'ente americano che regola farmaci e cibi, e inviate alle aziende produttrici. Tra le minacce che preoccupano l'Fda, ci sono virus informatici che possono arrivare sui dispositivi medici connessi, o computer, smartphone e tablet usati per accedere ai dati dei pazienti. Nella guida, come spiega dal suo sito, l'Fda invita le imprese a considerare i rischi di cybersecurity nella progettazione e sviluppo dei dispositivi medici presentarle la documentazione sui pericoli identificati e i controlli per ridurli, e prevedere anche aggiornamenti dei sistemi operativi e dei software medici.



Alcuni dispositivi medici possono essere infatti vulnerabili a falle di sicurezza, che possono incidere sulla sicurezza e loro efficacia. Al momento, comunque, non vi sono state segnalazioni di apparecchi o sistemi presi a bersaglio o pazienti danneggiati in questo modo. L'agenzia Usa sta anche organizzando un workshop per discutere su come governo, aziende, ospedali e professionisti di cybersecurity possono migliorare la sicurezza dei dispositivi medici per proteggerli da attacchi informatici.



Venerdì 3 Ottobre 2014, 12:54 - Ultimo aggiornamento: 03-10-2014 14:37




QUICKMAP