Albero in piazza Castello,
sprint per l'Immacolata

Giovedì 2 Dicembre 2021 di Antonio Martone
Albero in piazza Castello, sprint per l'Immacolata

Per addobbare strade e piazze, al di là delle ristrettezze economiche, c'è un problema in più, quello legato al maltempo che sta rallentando l'esecuzione dei lavori. L'obiettivo, però, resta invariato ed è quello di accendere alberi e luminarie e completare tutti gli addobbi entro il tardo pomeriggio di mercoledì 8 dicembre, il giorno in cui tradizionalmente iniziano le celebrazioni per il Natale. Amministratori e dirigenti comunali, unitamente alle ditte appaltatrici, però, ostentano ottimismo e sembrano decisi a sfidare anche la pioggia per evitare ritardi.
È il caso dell'azienda beneventana Vivai Vinciguerra che, dopo aver posizionato lungo il corso Garibaldi e nei pressi dell'Arco di Traiano le basi di cemento che dovranno contenere gli abeti rossi, ha già annunciato che stamani personale specializzato inizierà a installare le piante le cui dimensioni sono tra i sette e gli otto metri di altezza.

In giornata, infatti, è previsto l'arrivo dalla provincia di Lucca, a bordo di tir del carico e subito dopo ci si metterà all'opera. «Abbiamo previsto di non interrompere ha anticipato il patron Luigi Vinciguerra il lavoro anche in questi giorni di avversità atmosferiche in modo da rispettare i tempi di consegna stabiliti con il Comune. Diversamente non riusciremmo ad allestire tutto per mercoledì prossimo, quando inizierà la festa. La pioggia non ci fermerà, almeno per quanto concerne la nostra parte».

Si apprendono, intanto, ulteriori dettagli legati agli addobbi natalizi. Il sindaco Mastella e i suoi collaboratori, così come promesso, faranno posizionare gli abeti rossi che complessivamente sono trenta anche in altre zone della città. In pratica ce ne saranno venti tra corso Garibaldi e via Arco Traiano che costituiscono il «salotto» e da sempre sono stati i punti di riferimento per questa ricorrenza. Per quanto riguarda i rimanenti dieci, ben sei saranno messi al Rione Libertà, uno a piazza Bissolati, un altro a piazza Colonna davanti alla stazione centrale, uno a Pacevecchia e, infine, un altro al quartiere Capodimonte

«Nonostante i già noti problemi legati alla somma a disposizione che non è elevata ha detto il sindaco abbiamo cercato, con i mezzi a disposizione, di coinvolgere quanto meno simbolicamente tutti i quartieri della città. Abbiamo cercato di operare al meglio e lo scenario naturale che già offrono monumenti e strade della città regalerà ugualmente scenari suggestivi. Quello che mi raccomando è di evitare assembramenti e di attuare tutte le misure di prevenzione che in questo momento sono la grande priorità». Comprendendo anche i 6500 euro finanziati dalla Camera di Commercio, ci sono poco più di settantamila euro a disposizione, considerato che dalla Regione, fino a questo momento, non sono giunte notizie di finanziamenti e nemmeno di promesse per le prossime settimane. Definito, intanto, il programma che prevede diverse novità. Il dirigente Santamaria insieme ai collaboratori, sempre nell'ambito del progetto che prevede la copertura di tutte le zone, ha anticipato che ci saranno delle sculture luminose rappresentanti scene della natività davanti ai sagrati di tutte le chiese del capoluogo. Come noto, l'anno scorso era posizionata esclusivamente davanti al Duomo. Una soluzione nuova che va a sopperire la mancanza di luminarie nei quartieri. Tornando al centro storico, saranno illuminati e addobbati tutti gli alberi di ulivo presenti a piazza Roma, le piante circostanti l'Arco di Traiano ed infine le nove piante esistenti di fronte ai giardinetti della Prefettura. C'è poi l'aspetto degli eventi che avrà la regìa di Renato Giordano che ha anticipato una ghiotta sorpresa. 

Video

«Davanti alla chiesa di San Bartolomeo - ha detto il direttore artistico di Città Spettacolo - rappresenteremo la natività con attori e animali reali. Le date con esattezza le stabiliremo e le pubblicizzeremo nei prossimi giorni ma, di sicuro, la prima rappresentazione avverrà proprio mercoledì 8 dicembre a sancire l'inaugurazione. Avremo inoltre il presepe vivente che sarà curato come in passato da Sannitamania e che avrà tre date. Cambierà la location in quanto l'Arco del Sacramento è inagibile e stiamo pesando di farlo svolgere all'Hortus Conclusus».

Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 20:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA